Un anno in Costarica per Elisa, vincitrice della borsa di studio “in memoria di Francesca e Marina Fasser”

La vincitrice di quest’anno della Borsa di studio “In memoria di Francesca e Marina Fasser” è la 16enne Elisa D., studentessa dell’Istituto Scolastico “V. Capirola” di Ghedi (BS), in partenza per un anno in Costarica.

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di BresciaToday

L’apertura all’internazionalizzazione, un processo mentale e attitudinale più che mai d’obbligo per poter vivere in un mondo sempre più connesso e globalizzato, passa attraverso l’esperienza di una persona alla volta. Molti sono gli studenti e le famiglie pronti a intraprendere questo passo ma che si trovano nella condizione economica di non farcela. Si conferma infatti tra le famiglie italiane il desiderio di arricchire la formazione dei loro figli adolescenti all’estero. A

nche quest’anno sono stati quasi 7.000 gli studenti che hanno partecipato alle selezioni di Intercultura per poter aderire a uno dei programmi proposti: un anno, un semestre, un trimestre, un bimestre scolastico o un soggiorno linguistico della durata di un mese estivo. Quest’estate saranno oltre 2.200 gli studenti a partire (l’anno scorso sono stati 2.225) verso tutti i continenti tre quarti di loro potranno beneficiare di una borsa di studio totale o parziale erogata da uno sponsor o dal fondo appositamente creato da Intercultura, associazione che dal 1955 promuove programmi scolastici in 65 Paesi di tutto il mondo. Nel corso degli anni aziende, enti, donatori privati continuano a credere nella formazione internazionale dei giovani studenti offrendo borse di studio totali o parziali a beneficio degli adolescenti che desiderano trascorrere un periodo lungo di studio e di vita all’estero con Intercultura. Tra questi si conta anche la generosità della famiglia e degli amici di Francesca e Marina Fasser - due giovani donne prematuramente scomparse, con la passione della musica, dei viaggi e dello “stare insieme” con persone di culture diverse - grazie ai quali ogni anno è possibile mettere a disposizione una borsa di studio per un programma scolastico annuale all’estero per studenti meritevoli, iscritti al concorso di Intercultura.

La vincitrice di quest’anno della Borsa di studio “In memoria di Francesca e Marina Fasser” è la 16enne Elisa D., studentessa dell’Istituto Scolastico “V. Capirola” di Ghedi (BS), in partenza per un anno in Costarica.

“Ho sempre desiderato immergermi in culture diverse e il mondo mi incuriosisce ogni giorno di più, perciò questa borsa di studio rappresenta per me un'opportunità unica. È un po' come l'arcobaleno alla cui fine vi è la pentola piena d'oro, è un desiderio che si realizza – dichiara Elisa - Mi sono messa in gioco piena di voglia di scoprire e di mettermi alla prova e tutt'ora lo sono, anche se francamente un po' di preoccupazione inizia a farsi sentire. Tuttavia la voglia di conoscere e la gioia sono di gran lunga più forti e ogni giorno che passa realizzo di più ciò che sta per accadere. Spero di poter portare alla famiglia che mi ospiterà un po' della cultura italiana, di affetto, di curiosità, di allegria e spero che loro facciano lo stesso.”. Elisa è stata premiata domenica 16 giugno, alle ore 20.30, presso l’Auditorium di San Barnaba di Brescia, nel corso di una serata organizzata dai genitori di Francesca e Marina, dall’Associazione Intercultura e dall’Associazione “Insieme si può fare”. Una serata dedicata anche alla promozione della raccolti fondi per una nuova Borsa di studio Intercultura e per l’Associazione “Insieme si può fare”, che aiuta i bambini siriani in fuga dalla guerra e garantisce loro una educazione attraverso il sostegno a scuola e insegnanti. Presenti anche Andrea Franzoi, Segretario Generale di Intercultura e la Dr.ssa Noura Warrak dell’Associazione “Insieme si può fare”, che ha dichiarato che porterà in Siria gli aiuti ai profughi siriani, resi possibili anche grazie alle donazioni raccolte dalla famiglia Fasser. Durante la serata, si sono esibiti giovani professionisti di Art & Dance Studio, scuola di teatro danza fondata da Ghislaine Carrara e Stefania Bettera: un mix di recitazione, canto e danza, in uno spettacolo multicolore ispirato alle due ragazze, ai loro ideali di pace e fratellanza.

I più letti
Torna su
BresciaToday è in caricamento