Il riscatto delle Province in Lombardia: non più enti inutili e costosi

Il sondaggio Ipsos per ANCI Lombardia evidenzia una chiara inversione di tendenza

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di BresciaToday

Grande successo delle Province nel sondaggio Ipsos! Dai risultati dell'annuale rapporto di ricerca realizzato da Ipsos per conto di ANCI, e rivolto a sindaci e cittadini, è emersa una netta inversione di tendenza rispetto agli anni passati. Gli intervistati sono stati interrogati in merito alla percezione degli enti di riferimento e da questo è emerso come le Province abbiano ottenuto un ampio consenso rispetto a cinque anni fa: dall'80% del campione che le riteneva inutili e costose, quest'anno si avvicinano al 50%.

Il Presidente UPL Pier Luigi Mottinelli, ha così commentato: “I risultati del sondaggio hanno evidenziato che il lavoro svolto negli ultimi anni, lo sforzo messo in campo da parte delle Province è stato riconosciuto dagli intervistati. Questi risultati evidenziano l'importante cambiamento nella percezione dei cittadini. Bisogna ancora lavorare molto ma, partendo da questa inversione, ci impegneremo per far sì che questo trend positivo possa continuare a migliorare. La speranza è che il nuovo Governo che verrà a formarsi possa modificare la riforma in atto, e riconsegnare all'ente Provincia il valore di rappresentanza territoriale che gli compete”.

Le Province, dopo la riforma Delrio che le ha trasformate dal 2015 in enti di secondo livello e ha causato ingenti tagli delle risorse, sono state indebolite ma hanno mantenuto funzioni importanti. I risultati emersi da questo sondaggio sottolineano perciò come, nonostante questo restyling, il 50% degli intervistati ne percepisca l'effettiva utilità.

Torna su
BresciaToday è in caricamento