Fuori dalla fabbrica, la protesta: "Non prendiamo lo stipendio da novembre"

Operai in agitazione fuori dai cancelli dell'acciaieria Leali Steel di Odolo: lamentano il mancato pagamento degli stipendi addirittura dallo scorso novembre

Non si ferma la protesta degli operai della Leali Steel di Odolo, in questi giorni in agitazione davanti ai cancelli della fabbrica. In Valsabbia sono rimasti in circa 130, in cassa integrazione da un anno esatto ma senza stipendio addirittura da novembre.

I sindacati chiedono risposte sul futuro dell'azienda, di proprietà del gruppo svizzero Klesch. L'intenzione della società è quella di vendere: nelle ultime settimane si è parlato di almeno due offerte, la prima da parte del gruppo algerino Cevital, la seconda dai bresciani della Ori Martin (da 39 milioni di euro).

Potrebbe interessarti

  • Rimedi naturali per far passare la sbornia

  • Attenzione al ragno violino: cosa fare in caso di morso

  • La ciclabile dei sogni batte ogni record: in un anno visitata da 325.000 persone

  • Le 5 migliori piante antizanzare

I più letti della settimana

  • Scomparso nel lago da tre giorni, ritrovato sano e salvo

  • Scendono dall'auto in panne, travolti e uccisi sulla Statale: morti due ragazzi

  • Sfonda il parabrezza, sbalzato sull'asfalto per diversi metri: muore a soli 26 anni

  • Esce di casa e scompare: trovato morto nel lago

  • Orribile tragedia sulla strada: muore con la testa schiacciata dal camion

  • Tenta il suicidio buttandosi dal terzo piano, grave un ragazzo

Torna su
BresciaToday è in caricamento