La catena Galimberti dichiarata insolvente: a rischio 250 lavoratori

Lo spettro del fallimento incombe sulla Galimberti Spa, socio di Euronics. Un commissario deciderà se ci sono le condizioni per rimanere sul mercato

Foto di repertorio

Sono giorni decisivi per il futuro e l’esistenza del gruppo Galimberti, socio Euronics, 11 punti vendita tra Lombardia e Veneto, tra cui anche quelli di Lonato e Corte Franca. Martedì il giudice del tribunale fallimentare di Milano Sergio Rossetti ha dichiarato l’insolvenza della Galimberti Spa, storica catena di negozi che vende prodotti di elettronica ed elettrodomestici.

Evitato, per ora, il fallimento, sarà il commissario, nominato dal giudice, a decidere se la società è in grado di restare sul mercato. Per redigere la relazione ha 30 giorni di tempo. La decisione coinvolge circa 250 dipendenti, che rischiano di restare senza lavoro. 

La reazione dei sindacati

La vicenda va avanti da anni, come ricordato dai sindacati Filcams Cgil, che in una nota hanno spiegato come si sia arrivati alla attuale situazione di crisi: “L’occupazione è passata da oltre 600 addetti nel 2013 a circa 250 lavoratori nelle sole Lombardia e Veneto”.

Un declino cominciato nel 2013: la società si è vista respingere due concordati preventivi, con il debito che ha raggiunto vette esorbitanti.

"Dopo il doppio rifiuto al concordato la situazione debitoria è arrivata intorno ai 90 milioni di euro. Adesso il tribunale ha evitato, almeno per il momento, il fallimento, ma toccherà al Ministero dello Sviluppo economico decidere cosa fare”. Ha spiegato Danilo D'Agostino della Filcams a Today.it.

Quale futuro per i lavoratori

Per i lavoratori si aprono due strade molto diverse: se venisse dichiarato il fallimento c'è il serio rischio che perdano in lavoro, mentre in caso di esercizio provvisori potrebbero almeno avere accesso all cassa integrazione straordinaria.

La nota dell’azienda

Il gruppo “Euronics” ha precisato che le vicende della Galimberti Spa coinvolgono esclusivamente la Galimberti Spa.

"Con oltre 400 punti vendita in Italia, a insegna Euronics, Euronics City ed Euronics Point, di cui 205 di proprietà e 198 in affiliazione, con una forza occupazionale di oltre 4.700 dipendenti e gestiti da imprese giuridicamente indipendenti e radicate nel territorio italiano, il marchio Euronics esprime un giro d’affari complessivo di oltre 1,6 miliardi di euro al netto d’iva." Si legge in una nota.

"Numeri che fanno della catena Euronics la terza realtà nel mercato. Le forti difficoltà di Galimberti Spa che speriamo – anche pensando alle maestranze – possano essere prontamente risolte, non possono dunque essere associate in alcun modo al marchio Euronics nel suo complesso, ad Euronics Italia Spa e tantomeno alle sue imprese Socie."

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • "L'ha massacrata a mani nude, poi è andato al bar": il killer è appena diventato papà

  • Baci alla ragazza, finisce a processo: "Non sapevo avesse appena 12 anni"

  • Nipote 43enne muore dieci giorni dopo la zia: lavoravano nello stesso negozio

  • La tragica fine di Francesca: picchiata e strangolata al parco pubblico

  • Strangolata al parco: fermato ragazzo di 29 anni, è accusato di omicidio

  • Malore al bar: si accascia a terra e muore sotto gli occhi di barista e clienti

Torna su
BresciaToday è in caricamento