Brescia: arriva la prima lavanderia self-service intelligente, il bucato si monitora con lo smartphone

Sabato 5 ottobre, in via della Volta 76/D, inaugura il nuovo punto vendita del Gruppo Lavapiù Miele. Grazie a un’app è possibile verificare in pochi secondi la disponibilità di una lavatrice e controllare in ogni momento il lavaggio

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di BresciaToday

Immagina di dover fare il bucato di tutta la famiglia oppure di non riuscire a togliere quella macchia particolarmente ostinata o di avere capi ingombranti da lavare che nella lavatrice domestica non entrano. La soluzione è semplice: basta scaricare un’app e verificare in pochi secondi e comodamente da casa la disponibilità di una lavatrice, andare al punto vendita più vicino e monitorare in ogni momento il lavaggio.

La rivoluzione è a portata di smartphone grazie a Bloomest Smart Laundry (www.bloomestlaundry.it), la nuova rete di lavanderie self-service del Gruppo Lavapiù Miele, numero uno nel settore in Italia, che permette di utilizzare il meglio della tecnologia di ultima generazione Miele unita alla comodità di gestire tutto attraverso il proprio cellulare, risparmiando tempo prezioso e denaro. Sabato 5 ottobre, dalle ore 11.30 alle 18.00, inaugurerà a Brescia il primo punto vendita in via della Volta 76/D. A tutti i partecipanti verranno consegnati gadget e shopper in tessuto firmate Bloomest per trasportare il bucato. Inoltre, chi acquisterà la Fidelity Card avrà in omaggio un bonus di ricarica pari al 30%, valido solamente il giorno dell’inaugurazione.

Dai capi delicati in seta e lana a quelli più difficili da trattare come piumoni, giacche a vento e abiti da lavoro, grazie all’esclusivo cestello a nido d’ape, ai programmi speciali adatti per ogni tipo di indumento e in grado di dosare automaticamente i detersivi professionali studiati da Miele, il risultato è assicurato. La semplicità di utilizzo e il servizio rapido ed efficace sono già diventati un prezioso alleato delle tante famiglie che ogni giorno scelgono uno degli oltre 800 punti vendita aperti in Italia e Europa da Lavapiù. ù

«È l’evoluzione della lavanderia self-service - spiega Claudio Branz, Amministratore Delegato di Bloomest -. Ogni spazio è attentamente progettato per accogliere il cliente: mentre la lavatrice gira, nell’area relax ci si può riappropriare del proprio tempo, leggere o bere un caffè, oppure uscire per svolgere le proprie commissioni e tornare in tempo per la fine del lavaggio».

Tra i servizi a disposizione, anche la possibilità di pagare con carta di credito e Satispay e l’assistenza continua da remoto: per ogni dubbio su come lavare al meglio un capo, si possono consultare i tanti consigli utili sul blog di Lavapiù Bloomest (www.comelavare.com) o sull’app, disponibile per il download su Apple Store e Google Play. All’apertura bresciana seguiranno nei prossimi mesi altri punti vendita in tutta Italia (Milano, Reggio Emilia, Pomigliano d’Arco, Tropea e Palmi), ma anche in Spagna, Svizzera, Repubblica Ceca, Germania e Portogallo. Dal primo contatto fino alla consegna del negozio chiavi in mano, Bloomest mette a disposizione dei nuovi gestori un team di professionisti che li accompagnano passo per passo nella scelta della location, nella progettazione degli spazi e nel coordinamento dei lavori, così come nella formazione e nelle attività di comunicazione e promozione per sviluppare e consolidare il proprio business.

«È un mercato che non conosce crisi e che sta dimostrando ogni giorno ampie possibilità di sviluppo - continua Branz -. Non servono particolari esperienze e competenze specifiche: c’è chi sogna di lavorare per se stesso, chi possiede un locale commerciale inutilizzato oppure chi vuole affiancare questa attività ad un altro business già avviato».

A fronte di un investimento iniziale contenuto, entro 3 anni è già possibile rientrare nei costi sostenuti e iniziare a guadagnare. E i vantaggi sono numerosi: grazie alla domotica, attraverso l’app sullo smartphone il punto vendita si apre in autonomia, si accendono luci e macchine, ma si possono anche aggiornare i prezzi e inviare sconti, programmare attività di marketing sui singoli clienti e dare assistenza da remoto, senza necessità di essere fisicamente in negozio e assumere dipendenti.

Torna su
BresciaToday è in caricamento