Panico a scuola, i bambini hanno la scabbia: "Nessuna emergenza sanitaria"

Massima allerta all’istituto Rita Levi Montalcini di Torbole Casaglia, dove l’Ats ha accertato alcuni casi di scabbia: “Nessuna emergenza sanitaria”, ribadiscono le autorità

Pustole da scabbia (foto d'archivio)

Una vicenda che sta facendo parecchio rumore, in paese e non solo: come segnalato da Ats, all’istituto comprensivo Rita Levi Montalcini di Torbole Casaglia sono stati riscontrati dei casi di scabbia, la nota “infestazione contagiosa” della pelle causata principalmente dall’acaro Sarcoptes scabiei, parassita molto piccolo e di solito non direttamente visibile, che si inocula sotto la pelle del soggetto colpito provocando un intenso (e fastidioso) prurito allergico.

Nessuna emergenza sanitaria, comunque: dall’istituto comprensivo fanno sapere che non sarà nemmeno necessario un intervento di disinfestazione delle aule scolastiche nel complesso, perché basterà garantire un’efficace pulizia dei locali, anche con detergenti comuni.

Non è dato sapere al momento quanti siano i casi accertati sotto la lente dell’autorità sanitaria: ci sono le comunicazioni ufficiali dell’Ats e quelle dell’istituto comprensivo, il particolare l’ultimo “messaggio” a firma della dirigente scolastica inviato a genitori e famiglie, in cui appunto viene scongiurata l’emergenza sanitaria e si rassicura sul fatto che “la situazione è completamente sotto controllo”.

La dirigenza scolastica

Certo non finisce qui: la dirigenza scolastica raccomanda ai genitori la massima attenzione, e in particolare di tenere d’occhio l’eventuale “apparizione” (da qui a un mese e mezzo) di eruzioni cutanee o pruriginose sospette. Sono questi infatti i tempi di incubazione della scabbia: dalle quattro alle sei settimane per diventare sintomatica.

Considerata dall’Organizzazione mondiale della Sanità come una patologia legata all’acqua, la malattia può essere trasmessa anche da oggetti inanimati, anche se il primo vettore di contagio rimane il contatto diretto pelle-pelle, solitamente dopo un contatto prolungato. Non è una malattia grave, ma se non curata adeguatamente può prolungarsi nel tempo.

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (5)

  • Appunto , basta pulire bene le scuole , anzichè cercare il colpevole nello straniero , cosa che qualcuno ha provato a fare anche nel caso della legionella. Magari studiare un momento di più , anzichè sparare cazzate

  • appunto, arriva proprio da lì.. grazie Giargia! vorrei capire quando inizierà la loro integrazione..

  • Nel 2018 ancora scabbia ?? Da terzo mondo

  • impariamo a convivere anche con la scabbia.........

  • nessuna Emergenza sanitaria??????? ma stiamo scherzando?????????aspettiamo che peggiori!!!!!!! che mondo infame!!!!

Notizie di oggi

  • Cronaca

    Ragazzo scomparso, tragico epilogo: trovato morto in mezzo ai boschi

  • Cronaca

    Allarme ambientale dopo il rogo dei rifiuti: vietato raccogliere frutta e verdura

  • Cronaca

    Un volo di 500 metri prima di morire: la terribile tragedia di Claudio

  • Cronaca

    Rapina in casa da incubo: anziana legata, picchiata e minacciata con un coltello

I più letti della settimana

  • La vela si chiude, parapendio precipita a tutta velocità: morto sul colpo

  • Drammatico frontale tra auto, donna muore in un groviglio di lamiere

  • La terra trema nel Bresciano: scossa di terremoto nella notte

  • "Come un terremoto": tremano le case e la scuola, paura a San Bartolomeo

  • Una scomparsa improvvisa: addio a un giovane pizzaiolo

  • Terribile schianto all'alba, 5 feriti e traffico paralizzato: sul posto l'elisoccorso

Torna su
BresciaToday è in caricamento