Celeste: il 4 settembre presidio di protesta davanti al Civile

L'iniziativa è promossa da Sicilia risvegli onlus di Catania, presieduta da Pietro Crisafulli, con un fratello immobile da nove anni

Un presidio di protesta contro gli ostacoli alle cure compassionevoli consistenti nel trapianto di cellule staminali in pazienti "che vivono in un limbo tra la vita e la morte" si terrà il prossimo 4 settembre davanti il Tar di Brescia.

L'iniziativa promossa da Sicilia risvegli onlus di Catania, presieduta da Pietro Crisafulli, fratello di Salvatore immobile da nove anni, si svolgerà nonostante la decisione del giudice del tribunale di Venezia che ha ordinato all'ospedale di Brescia di continuare le cure con la metodica Stamina sulla piccola Celeste Carrer.

Un'analoga decisione è stata adottata, in via cautelare, dal Tribunale di Catania per una bambina di 17 mesi, Smeralda, ricoverata nella rianimazione pediatrica dell'ospedale Garibaldi per i danni procurati da un'asfissia durante il parto.

"La nostra presenza - spiega Pietro Crisafulli - sarà pacifica e servirà a sensibilizzare l'opinione pubblica a fare riaprire immediatamente il laboratorio dell'ospedale di Brescia, chiuso in seguito a un provvedimento dell'Aifa e per iniziativa di una Procura, a nostro avviso, non territorialmente competente. Aspettiamo una svolta decisiva per il bene di tante famiglie che vivono un dramma disumano. Nella sola Sicilia - conclude Crisafulli - ci sono oltre 240 persone in attesa della cura, tra le quali anche mio fratello".

(fonte: Ansa)
 

Potrebbe interessarti

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

    Notizie di oggi

    • Cronaca

      Ondata di caldo, bollino rosso per Brescia. Il Ministero: “Situazione di emergenza”

    • Cronaca

      Finte trasferte per non pagare tasse, nei guai imprenditore bresciano

    • Cronaca

      “Odio il seno rifatto!”, operaio insulta una prostituta e la riempie di botte

    • WeekEnd

      Eventi: cosa fare a Brescia e provincia dal 23 al 26 giugno 2017

    I più letti della settimana

    • Coltello alla gola, costretta a una fellatio: riconosciuto e condannato dopo 14 anni

    • Morto annegato ingegnere bresciano: stava nuotando col figlioletto

    • Investe e uccide il suo aggressore: si erano conosciuti a causa di una rissa

    • Villongo: minacciata da un uomo armato, 44enne lo investe e lo uccide con l’auto

    • Investito e ucciso, le rivelazioni shock dei fratelli: “Molto più di un’amicizia”

    • Autista aggredito da un passeggero senza biglietto, il bus ferma in caserma

    Torna su
    BresciaToday è in caricamento