Aggressione shock: sacerdote preso a calci e pugni per pochi soldi

Lo ha prima aggredito, calci al corpo e pugni al volto per farsi dare un po' di soldi: dopo qualche giorno è tornato a bussare alla sua porta. Inevitabile la denuncia: ragazzo bresciano arrestato dai carabinieri

Foto di repertorio

Botte al Don per i soldi: i carabinieri hanno arrestato un ragazzo di 29 anni di Rovato (C. M. le sue iniziali) accusato di aver aggredito e picchiato il parroco di San Giovanni Bosco, il 70enne Giovanni Zini. Il giovane dovrà rispondere anche di tentata rapina: il prete, a seguito delle botte ricevute, si è procurato un occhio nero e un ricovero in ospedale (con prognosi di 11 giorni).

L'episodio risale al 3 febbraio scorso: il ragazzo, che da sempre abita in paese ed è noto per i suoi trascorsi, dentro e fuori le comunità, avrebbe aggredito il parroco alle spalle nel tardo pomeriggio, mentre don Giovanni era impegnato a chiudere la chiesa.

Lo avrebbe spintonato a terra per farsi dare un po' di soldi, addirittura preso a calci e infine colpito in pieno volto con un pugno. Poteva andare peggio, forse: il 29enne è scappato a piedi dopo che alcuni parrocchiani si sono accorti di quello che stava succedendo, e sono accorsi in aiuto del religioso.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ragazza grave in ospedale per un'infezione: un altro caso dopo Veronica?

  • Operai al cimitero: la bara scivola, si rompe e fuoriesce la salma

  • La testa schiacciata tra la gru e il tetto: così è morto Antonio, padre di tre figli

  • Troppa nebbia, esce di strada e finisce nel canale: muore annegato nella sua auto

  • Ragazza di 16 anni in ospedale: "E' lo stesso Meningococco di Veronica"

  • Tragedia avvolta nel mistero: cadavere trovato in autostrada, lungo la corsia di sorpasso

Torna su
BresciaToday è in caricamento