Preso mentre spaccia cocaina al bar: nel suo telefono i nomi dei clienti

Un 52enne albanese (residente a Nuvolento) è stato arrestato con l'accusa di detenzione e spaccio di stupefacenti. L'uomo è stato fermato in flagranza di reato nel Bar Papaya di via Da Vinci a Virle. Si trova in Italia da 20 anni con regolare permesso di soggiorno, ma non è la prima volta che viene arrestato: due anni fa, infatti, i suoi familiari lo avevano segnalato alla Polizia Locale, disperati per le continue richieste di soldi per droga e slot machine.

Al momento del fermo il pusher aveva con sé anche un cellulare con i numeri dei tanti clienti, che erano soliti a rivolgersi a lui per acquistare cocaina. Si tratta di persone con un'età tra i 25 e i 55 anni, molte delle quali residenti nei pressi del locale. I poliziotti sono risaliti alla loro identità e, grazie alla loro testimonianza, è stata accertata una compravendita di circa 500 dosi da 0,4 grammi nell'arco di pochi giorni. Il 52enne è finito in Direttissima davanti a un giudice, che ha disposto i domiciliari con obbligo di firma, in attesa del processo fissato per il 12 settembre. La posizione dei titolari del bar è al vaglio della Locale.


 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Lo schianto col tir, poi l'inferno: manager d'azienda muore carbonizzato nella sua auto

  • Due sorelle, lo stesso tragico destino: uccise dal cancro a distanza di 20 giorni

  • Brescia, morta Leontine Martin: era al vertice di un'azienda da mezzo miliardo di euro

  • Terribile schianto all'incrocio: motociclista muore in ospedale

  • Maltempo, arriva forte peggioramento: pioggia e abbondanti nevicate

  • Fine settimana in Franciacorta per Belen Rodriguez e Stefano De Martino

Torna su
BresciaToday è in caricamento