La banda del buco: danni per migliaia di euro, ma la cassaforte è vuota

Hanno preso a mazzate il muro e sfondato la cassaforte con la fiamma ossidrica: banditi in fuga a mani vuote dall'ufficio postale di Centenaro

I danni causati dai banditi © Bresciatoday.it

Fiamma ossidrica e mazza da cantiere, auto col motore acceso e pronti a partire: la banda del buco colpisce ancora, ma stavolta ha preso male le misure. Danni per migliaia di euro all'ufficio postale di Centenaro di Lonato, ma bottino pari a zero: la cassaforte infatti era vuota. E' successo nella notte tra lunedì e martedì: sull'accaduto indagano i carabinieri di Desenzano.

L'allarme suona alle 3.30

L'allarme è scattato intorno alle 3.30: solo poco prima i banditi avevano aperto il cancello delle Poste e attraversato il cortile dell'edificio, uno stabile di proprietà comunale dove è presente anche un appartamento disabitato. I ladri sono entrati dal retro: hanno forzato una tapparella e fracassato la finestra in vetro.

Una volta dentro, hanno preso a mazzate il muro fino a sfondato: era l'ultimo ostacolo prima di entrare davvero nell'ufficio postale. Hanno puntato dritti alla cassaforte, mentre l'allarme già suonava: in pochissimi minuti, utilizzando una fiamma ossidrica, hanno sciolto il metallo e aperto il forziere.

Aperta la cassaforte, dentro non c'è niente

Al suo interno però non c'era proprio nulla: fallito il colpo, i ladri hanno fatto dietrofront e sono fuggiti, passando di nuovo dal buco ma non dalla finestra, a circa un metro da terra. Sempre con la fiamma ossidrica hanno fatto saltare la serratura blindata. Poi la fuga nella notte: se ne sono andati pochi attimi prima che arrivassero i carabinieri e la vigilanza.

Indagini in corso, ma non sarà facile: le Poste di Centenaro non sono attrezzate con telecamere di videosorveglianza. I militari sono dunque al lavoro in cerca di testimonianze utili alle indagini: facile immaginare, in un paese così piccolo, che qualcuno possa aver visto qualcosa.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • "L'ha massacrata a mani nude, poi è andato al bar": il killer è appena diventato papà

  • Baci alla ragazza, finisce a processo: "Non sapevo avesse appena 12 anni"

  • Nipote 43enne muore dieci giorni dopo la zia: lavoravano nello stesso negozio

  • La tragica fine di Francesca: picchiata e strangolata al parco pubblico

  • Strangolata al parco: fermato ragazzo di 29 anni, è accusato di omicidio

  • Malore al bar: si accascia a terra e muore sotto gli occhi di barista e clienti

Torna su
BresciaToday è in caricamento