Epidemia di polmonite: ricoverati 4 bambini, l'allarme torna sul Chiese

L'epidemia continua: i dati comunicati da Ats Brescia. Negli ultimi giorni ricoverati anche quattro bambini, tutti residenti nella Bassa

Più di 500 casi da inizio settembre, 13 nuove polmoniti accertate solo questa domenica, otto i nuovi ricoverati negli ospedali della provincia: sono questi i numeri più aggiornati sull'epidemia diffusi in serata da Ats Brescia. Epidemia che non accenna a placarsi: ai dati già significativi su accessi in pronto soccorso e ospedale si aggiungono i quattro bambini che sono stati ricoverati in questi ultimi giorni.

Sono tutti al Pediatrico del Civile, di età compresa tra i 6 e gli 8 anni e tutti residenti nella Bassa Bresciana: per loro sarebbe già stata accertata la polmonite batterica. Saranno tenuti particolarmente monitorati, sia per la tenera età che per eventuali complicazioni. Nessun nuovo caso di legionella, comunque.

Certo la preoccupazione rimane alta. Non sono stati effettuati campionamenti delle acque nella giornata di domenica, in attesa di nuove indicazioni. Di certezze ancora non ce ne sono, purtroppo: prima di tutto perché a quanto pare il batterio della legionella potrebbe non essere l'unico. Nel senso che si sta cercando qualcos'altro, almeno per quel che riguarda le cause.

Tutto da rifare, o quasi, anche nella ricerca dei “vettori”, quelli che potrebbero aver veicolato il batterio. Potrebbero essere presto “scagionate” le torri di raffreddamento delle aziende chiamate in causa solo qualche giorno fa: successive analisi hanno smentito anche la presenza di legionella alla Cartiera di Montichiari.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Adesso si aspettano i risultati delle contro-analisi della Gkn Wheels e de La Leonessa di Carpenedolo, oltre che delle Acciaierie di Calvisano. Ma allora dove bisogna cercare? Probabile che si tornerà di nuovo sul fiume Chiese. Lungo il corso d'acqua erano già stati prelevati una ventina di campioni: di questi almeno 7, più di un terzo, erano risultati positivi alla legionella.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, primo focolaio bresciano: positivi 15 ragazzi, sono tutti in isolamento

  • Uccide una bimba travolgendola sulle strisce: padre di famiglia in manette

  • Tragico schianto sulla 45bis: auto schiacciata da un camion, morto il conducente

  • Animatore del grest positivo al coronavirus, bambini e ragazzi in isolamento

  • Bimba travolta e uccisa sulle strisce: l'automobilista si è costituito

  • Auto precipita per decine di metri, morto il medico Giorgio De Thierry

Torna su
BresciaToday è in caricamento