Calvisano: l'omicidio della Vigilia preannunciato in alcune lettere

Nell'auto Vito D'Angelo, i Carabinieri di Desenzano hanno trovato una dozzina di lettere in cui l'omicida preannuncia le sue intenzioni. "Non mi faccio ammazzare da loro, preferisco ammazzarli io", scrive in una di queste

I Carabinieri di Desenzano hanno trovato sull'auto di Vito D'Angelo, l'uomo che alla vigilia di Natale ha ucciso il fratello dell'ex, il 36enne Luca Zanella, alcune lettere in cui veniva annunciato l'omicidio.

"Ho giurato sui miei figli che, se non fossi riuscito a risollevarmi, l'avrei ammazzato. Un gesto che non avrei mai immaginato di fare nella mia vita - scrive il 46enne - ma adesso mi rendo conto che un vero uomo non può tirarsi indietro dal compiere".

Le pagine sono in tutto dodici, scritte poco prima di sparare i quattro colpi mortali.

"Non mi faccio ammazzare da loro, preferisco ammazzarli io - scrive ancora in un'altra lettera-. Preferisco saltare nella fossa profonda della galera a vita e cercare di risalire e farmi perdonare perché mi sento nel giusto". All'origine della tragedia ci sarebbe infatti una questione di debiti.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Si sente male nel suo locale, ristoratore bresciano muore mentre sta lavorando

  • Travolta in allenamento, è morta Roberta Agosti: era la compagna di Marco Velo

  • Esce a buttare lo sporco e non torna: scomparsa giovane mamma bresciana

  • Bimba travolta e uccisa sulle strisce: l'automobilista si è costituito

  • Intrappolato nel sottopasso, ragazzo di 30 anni rischia di annegare in auto

  • Animatore del grest positivo al coronavirus, bambini e ragazzi in isolamento

Torna su
BresciaToday è in caricamento