Amianto, killer silenzioso: a Brescia 800 morti di tumore in meno di 20 anni

I dati presentati dall'Ats sul mesotelioma, il cancro che uccide e che è in maggior parte è provocato dall'esposizione all'amianto: quasi 800 casi in 20 anni a Brescia, 3000 ogni anno in Italia

C'è chi lo chiama il killer silenzioso, come è silenziosa la strage che da esso ne deriva: ce ne sono tante altre, forse troppe in Italia e nel mondo. L'amianto a Brescia continua a mietere le sue vittime: appunto, in silenzio. Il killer è il mesotelioma, una neoplasia che origina dal mesotelio, lo strato di cellule che riveste le cavità sierose del corpo: pleura, peritoneo, pericardio, cavità vaginale e testicoli.

A Brescia e provincia sono quasi 800 i casi mortali accertati: 791 per la precisione, dal 1996 al 2015. La quasi totalità dei casi attualmente rilevati di tumore si riferisce al mesotelioma pleurico, collegato all'esposizione alle fibre aerodisperse dell'amianto, o absesto. La sua latenza temporale è molto elevata, anche se poi uccide rapidamente (entro uno o due anni): ci vogliono dai 15 ai 45 anni per rilevarne i sintomi. Quando ormai spesso è troppo tardi.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Sono questi i dati presentati dall'Ats sulla mortalità (ancora oggi) dell'amianto: fuorilegge dal 1992, noto anche come eternit (mescolato a fibre di cemento), l'absesto ha ucciso e continua ad uccidere. Anche in Italia era presente ovunque, nell'industria e nell'edilizia (anche privata). E tanto ancora ce n'è, nonostante campagne capillari per la sua rimozione, comunque costosa.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragico incidente: Giulia e Claudia morte in un terribile frontale

  • Strade sommerse da un'incredibile grandinata: servono le ruspe per liberarle

  • Nuovo supermercato dopo il lockdown: sarà aperto tutti i giorni fino alle 22

  • Coronavirus: Brescia è la prima provincia italiana per nuovi contagi

  • Violenta rissa, ragazzino picchiato e lasciato ferito in mezzo alla strada

  • Drammatico schianto frontale nella notte: morte due ragazze

Torna su
BresciaToday è in caricamento