Animalisti contro l'allevamento di visoni destinati a diventare pellicce

A Montirone è stata organizzata una manifestazione per dare voce ai 3.000 visoni destinati a diventare pellicce: "Animali vittime della moda e dell'indifferenza"

Nella giornata di sabato, a Montirone è stata organizzata una manifestazione di protesta per dare voce ai 3.000 visoni destinati ad essere scuoiati per diventare pellicce, su iniziativa congiunta delle organizzazioni Antispecisti Libertari, essereAnimali e Nemesi Animale

Per dare forza all'evento sono state pubblicate immagini dall’interno dell’allevamento, che ritraggono le minuscole gabbie in cui sono costretti gli animali.

- Guarda il video: ATTENZIONE, contiene immagini forti
Guarda il video


“Le immagini da noi diffuse mostrano quale sia la condizione in cui sono costretti a vivere i visoni dentro l’allevamento di Montirone, abbiamo documentato la prigionia di animali selvatici, costretti in minuscole gabbie di rete metallica senza mai toccare l’erba o il terreno. Oggi siamo qui in molti per far conoscere questa realtà che ancora uccide 150.000 visoni in tutta Italia”, affermano gli organizzatori dell'iniziativa.
.


 “Nella mobilitazione degli abitanti del paese contro gli odori scatenati dall’allevamento - aggiungono - non è stata considerata la privazione della libertà e della vita di migliaia di esseri viventi destinati ad essere uccisi con il gas e scuoiati per trasformare il loro manto in abiti alla moda. Ma al centro di tutto ci sono loro, gli animali, le vittime della moda e dell’indifferenza”

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Lombardia, la nuova ordinanza: via la mascherina all'aperto

  • Tetti distrutti, auto schiacciate dagli alberi: i 20 minuti d'inferno della tempesta

  • Cadavere in montagna: risolto il 'mistero' dell'escursionista trovato morto

  • Un bimbo si sente male, al grest di paese un sospetto caso di coronavirus

  • Ubriaco al volante dell'auto, scappa dalla polizia ma finisce la benzina

  • Coronavirus, nuova allerta: ragazzo positivo al grest, tamponi e isolamento per tutti

Torna su
BresciaToday è in caricamento