Rifiuti nei campi: maxi multa da 26.000 euro per un imprenditore bresciano

Succede nelle campagne di Leno: beccato il titolare di un'azienda di tessuti di Manerbio. Aveva gettato in un prato decine di sacchi neri, lasciando però degli indizi inequivocabili

Ha cercato di liberarsi del materiale che non gli serviva più. Ma non in discarica, o all'isola ecologica: ha lasciato tutto in mezzo ai campi. E adesso rischia una multa di (quasi) 30mila euro. Beccato dalla Polizia Locale di Leno il titolare di un'azienda di Manerbio.

Produttore e commerciante di stoffe, ha riempito il suo furgone di stoffa che più non gli serviva e l'ha abbandonata, in una ventina di sacchi neri, ai margini delle campagne del paese. Una mossa che non è passata inosservata: a denunciare il fatto alcuni residenti.

Così sul posto sono cominciate le indagini della Polizia Locale. Difficili ma non troppo: nei tanti sacchi neri, tra la tanta stoffa, lo scaricatore abusivo si era scordato di eliminare gli indizi che avrebbero potuto far risalire a lui.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • All'ospedale Civile una paziente col Coronavirus, controlli su 5 bresciani

  • Emergenza Coronavirus: 4 casi positivi al Civile, c'è il primo bresciano

  • "Non so come l'ho preso": parla la ginecologa positiva al coronavirus

  • Secondo caso bresciano di Coronavirus: è una ginecologa di 36 anni

  • Emergenza coronavirus: scuole chiuse in tutta la Lombardia

  • Coronavirus, Lombardia 'blindata": scuole chiuse, bar e locali off limits dalle 18

Torna su
BresciaToday è in caricamento