In pensione da poco, notaio va in vacanza e si schianta: morto sul colpo

Niente da fare per il 75enne Alberto Pezzoli, notaio in pensione: vittima di un terribile schianto mentre si trovava in vacanza, in Polonia

Foto d'archivio

Da pochi mesi era andato in pensione: si stava godendo qualche giorno di vacanza in Polonia, quando si è consumata la tragedia. Morto sul colpo a seguito del terribile incidente stradale in cui è rimasto coinvolto: a bordo della sua auto presa a noleggo ha sbandato, forse a causa di un malore, e si è schiantato contro due camion che viaggiavano in direzione opposta.

La vittima è il 75enne Alberto Pezzoli, notaio bergamasco conosciuto nel Bresciano anche per la sua grande passione per le auto d'epoca. Per lui, purtroppo, non c'è stato niente da fare: la salma è a disposizione dell'autorità giudiziaria polacca, che molto probabilmente chiederà di eseguire l'autopsia.

In pensione da pochi mesi

Come detto, non si esclude che all'origine del sinistro ci sia stato un improvviso malore. L'auto di Pezzoli ha sbandato e ha invaso la corsia opposta di marcia, proprio mentre stavano sopraggiungendo i due Tir. Solo lievi ferite per i due camionisti. 

Professionista stimato e conosciuto, era andato in pensione la scorsa estate dopo quasi 40 anni di onorata attività. Aveva cominciato a praticare la professione di notaio nel 1981, a Caravaggio: pochi anni dopo si era trasferito a Treviglio, dove ha poi avviato lo studio che l'ha reso celebre, in provincia e non solo.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • E' morta la piccola Nina: "Vola per sempre amore mio, la mamma arriva presto"

  • Fine settimana in Franciacorta per Belen Rodriguez e Stefano De Martino

  • "Amore mio, sposiamoci", ma in realtà gli deve un debito per la cocaina

  • 13enne ruba 9mila euro in casa propria, poi subisce la rapina da due amici

  • "Come un fiore, hai perso i tuoi petali": l'ultimo saluto al piccolo Daniele

  • Auto sbatte contro il guard rail e si ribalta: morto un bambino, ferite due ragazzine

Torna su
BresciaToday è in caricamento