I Cataspurc a caccia di rifiuti: «Ripuliamo il verde, patrimonio di tutti»

Un gruppo di ragazzi che si fa associazione spontanea: con sacchetti e zaino in giro per tutta la Valtenesi, a raccogliere rifiuti e a monitorare la situazione ambientale. Domenica pomeriggio un nuovo 'blitz' alla Rocca di Manerba

Un gruppo di ragazzi che si è stancato di guardarsi intorno e di constatare con amarezza dell’incuria dell’ambiente, dei rifiuti, del verde soffocato. Zaino in spalla, guanti e sacchetti per la raccolta differenziata, tutti insieme hanno deciso di rimboccarsi le maniche e di partire per il loro simbolico viaggio in tutta la Valtenesi, “per liberare i tanti spazi verdi di cui la gente si è dimenticata”.

Piccoli angoli di verde, spiegano, “dove oggi si trova di tutto, dai sacchetti di plastica ai materassi, dai bossoli dei cacciatori a vecchie televisioni”. Hanno fatto gruppo, hanno fondato una sorta di associazione spontanea: per tener fede al loro agire hanno scelto un nome che rende bene l’idea, i Cataspurc, letteralmente i “raccogli-sporco”. Il loro primo ‘blitz’ sul Monte della Campagnola a Manerba del Garda, poi la seconda uscita nei pressi del laghetto di Picedo, in territorio di Polpenazze, dove hanno dovuto affrontare un’atmosfera desolante: decine di carpe morte, a filo d’acqua, rottami di biciclette, lamiere e fil di ferro, perfino i pali per le vigne. E un’idea, ancora in fase di valutazione: far analizzare l’acqua del laghetto, un tempo pescosissimo.

Ieri pomeriggio il terzo appuntamento, al Parco Naturale della Rocca di Manerba. Anche qui tanto lavoro da fare: non solo cartacce ma bottiglie e sporcizia d’ogni genere, in quello che dovrebbe essere un patrimonio di tutto. Il loro viaggio continua: tutti gli aggiornamenti sono reperibili sulla loro pagina Facebook.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Giovane papà stroncato dal Coronavirus: Alessandro aveva solo 48 anni

  • Coronavirus: giovane direttrice di banca trovata morta in casa dal fratello

  • Economia bresciana in lutto: nello stesso giorno muoiono due imprenditori

  • Coronavirus in provincia di Brescia: morti e contagi Comune per Comune

  • Coronavirus, nel Bresciano 274 contagi e 69 decessi nelle ultime 24 ore

  • "Hai combattuto da eroe": addio a Marco, morto a soli 43 anni

Torna su
BresciaToday è in caricamento