Capriano del Colle, allarme Cesio 137: «La falda è contaminata»

Le analisi Arpa confermano la presenza del Cesio 137 nella prima falda, contaminazione accertata ad opera della discarica Metalli Capra. Ma il sindaco tranquillizza: "Livelli di inquinamento lontani dai limiti di legge"

Allarme contaminazione anche a Capriano del Colle, dove le indagini Arpa (settembre-dicembre 2011) hanno confermato la presenza di Cesio 137 nella prima falda acquifera del paese. Stando ai risultati dell’analisi la contaminazione non può che derivare dalla discarica Metalli Capra: la protezione in argilla installata nel 2009 non è stata sufficiente ad evitare il diffondersi di un elemento così pericoloso.

“L’inquinamento è solo sotto la discarica – fanno sapere dall’Arpa – ma questo significa che la Metalli Capra non è stata ancora messa in sicurezza”. Allarme minimo, il primo cittadino Claudio Lamberti minimizza l’accaduto ma chiede un intervento immediato: “I livelli di inquinamento sono lontani dai limiti di legge, non c’è alcun allarme”.

“In ogni caso serve la bonifica urgente e definitiva dell’area, per scongiurare un futuro peggioramento della situazione”.

Potrebbe interessarti

  • Fascicolo Sanitario Elettronico: come consultare i referti online

  • Per tutta estate il paese illumina strade e palazzi: sul lago il borgo più romantico d'Italia

  • Comune di Brescia: sedi CAAF Cgil

  • Le migliori gelaterie di Brescia

I più letti della settimana

  • A tutta velocità, fermato dalla Polizia: a bordo c’è un bimbo che sta male

  • Si sporge dal finestrino, ragazzo cade dal furgone in corsa e muore sul colpo

  • "Guido io, il mio amico ha bevuto": ma è ubriaco, drogato e senza patente

  • Tragica morte di ‘Ale’, la svolta: operaio indagato per omicidio colposo

  • Tenta il suicidio nel ristorante dove lavora, gravissimo giovane cameriere

  • Crolla a terra mentre fa la spesa, le sue condizioni sono disperate

Torna su
BresciaToday è in caricamento