Uccelli protetti nel carniere: nei guai giovane cacciatore bresciano

La stagione venatoria bresciana è ancora agli inizi, ma è già stata funestata da un episodio di bracconaggio. Il Nucleo Guardie WWF Lombardia, in collaborazione con la Polizia Provinciale di Brescia, ha sorpreso nelle campagne alla periferia di Brescia un giovane cacciatore il quale, esercitando la propria attività venatoria dal suo appostamento fisso, aveva nel proprio carniere ben cinque uccelli protetti. 

In particolare, tra gli esemplari abbattuta c'era un torcicollo, rara specie appartenente alla famiglia dei Picchi e che rientra pertanto nell'elenco di quelle particolarmente protette dalla legge sulla caccia.

Gli altri esemplari abbattuti erano un Beccafico - visitatore non comune delle nostre zone, in migrazione per andare a svernare in Africa - una Balia Nera – altra specie migratrice – un Pettirosso e una Capinera.
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Palpeggia e molesta due ragazzine: pestato a sangue nel parcheggio

  • Arrivano una Smart e una Fiat 500, poi lo scambio di droga: arrestato cantante

  • Ragazzo morto tra le braccia delle fidanzata: i risultati dell'autopsia

  • Morto l'imprenditore Renato Martinelli: ucciso in tre mesi dalla malattia

  • Violenta scossa in azienda, folgorato operaio: portato con ustioni al Civile

  • In arrivo due nuovi autovelox: limite abbassato dai 90 ai 70 chilometri orari

Torna su
BresciaToday è in caricamento