Brucia le sterpaglie: le fiamme lo circondano, muore soffocato

Morto a 72 anni l'agricoltore in pensione Primo Battagliola, di Barbariga: giovedì pomeriggio stava lavorando in quello che è stato il suo campo, è rimasto soffocato dal fumo delle fiamme

Foto d'archivio

Tragedia nella Bassa Bresciana: un uomo di 72 anni è morto intossicato mentre stava bruciando degli sterpi nelle campagne di Barbariga. Si chiamava Primo Battagliola: agricoltore in pensione, aveva dato in gestione il campo di sua proprietà, a Margareda, che ogni tanto però bazzicava ancora. Proprio come giovedì pomeriggio.

Sono circa le 16 quando dal vicino vivaio Onda Verde viene lanciato l'allarme: il campo sta bruciando. Viene avvisato l'assegnatario del campo, e qui la preoccupazione si fa alta: all'ingresso del campo viene trovata l'auto di Primo Campagnola, di lui però nessuna traccia.

Lo troveranno senza vita, a poche centinaia di metri di distanza. Non ci sono dubbi sulle dinamiche: Campagnola è rimasto intossicato dal fumo. Pare che stesse bruciando alcune sterpaglie, abitudine quasi di routine per un esperto agricoltore come lui.

Potrebbe interessarti

  • Sudorazione eccessiva? Ecco cos'è l'iperidrosi

  • Cosa possono bere (e cosa no) i bambini nell’età della crescita

  • Caffè, brioche e dolci sorprese: i bar di Brescia dove la colazione è un'arte

  • Lo spioncino digitale per la porta di casa

I più letti della settimana

  • Nadia è morta per un cancro al cervello: la spiegazione degli oncologi italiani

  • "Era drammatico: Nadia sapeva che sarebbe morta, ma non perdeva il sorriso"

  • Offlaga: parte un colpo di fucile, morto il 19enne Riccardo Moretti

  • Nadia Toffa, al funerale c'era l'ex fidanzato: quando parlò di figli e matrimonio

  • Nadia Toffa, è il giorno dell'addio: attese centinaia di persone da tutta Italia

  • Da un piccolo allevamento a un impero da 50 milioni: morta Elvira Crescenti

Torna su
BresciaToday è in caricamento