Travolto in pochi mesi da un male terribile: Andrea muore a soli 29 anni

Saranno celebrati sabato pomeriggio i funerali di Andrea Ferrari detto Jack, morto a soli 29 anni travolto da un male terribile, che l'ha ucciso in pochi mesi

Andrea Ferrari (fonte Facebook)

La malattia gli era stata diagnosticata solo pochi mesi fa: tanto è bastato per prosciugare ogni speranza, per portarselo via per sempre. Si è spento a soli 29 anni Andrea Ferrari, agronomo di Calvisano impiegato alla Coldiretti di Asola: gli amici lo chiamavano “Jack”, originario del capoluogo da qualche tempo abitava a Mezzane con la fidanzata.

Un lutto che lascia nel dolore un'intera comunità. Lo piangono i genitori Chiara e Roberto, la compagna Irene, la sorella Claudia con Omar, la nonna Angela. Nel tardo pomeriggio di giovedì è programmata una veglia di preghiera, nella sua abitazione di Via Don Speltoni a Mezzane di Calvisano.

I funerali saranno invece celebrati sabato mattina, alle 9.30 nella chiesa parrocchiale di Carpenedolo: il corteo proseguirà poi per il cimitero locale. Non fiori ma opere di bene, scrivono i familiari nei necrologi che sono già stati affissi in tutto il paese.

Il cordoglio della comunità

Andrea si era diplomato al Bonsignori di Remedello: trasferitosi a Milano, si era laureato alla Facoltà di Agraria. Subito si era tuffato nel mondo del lavoro: dottore agronomo, iscritto all'ordine di Brescia, lavorava alla Coldiretti di Asola, nell'Alto Mantovano. Colleghi e amici lo ricordano con affetto: al cordoglio si uniscono le sezioni locali e provinciali della nota associazione di agricoltori.

Anche l'ordine degli agronomi e dei forestali di Brescia lo ricorda: la presidente Elena Zanotti esprime “le più sentite condoglianze alla famiglia, anche a nome dei consiglieri e di tutti gli iscritti”. Tanto giovane quanto benvoluto: in paese era molto conosciuto anche per i meriti dei suoi familiari, la mamma gestisce un negozio di parrucchieri in Via Garibaldi, il padre invece un bar gelateria.

Una malattia terribile, che non gli ha lasciato scampo. Un male apparso all'improvviso, e che gli era stato diagnosticato nell'ottobre scorso. Da allora Jack non ha mai mollato, ha lottato fino all'ultimo, finché c'è stata speranza.

Potrebbe interessarti

  • Sudorazione eccessiva? Ecco cos'è l'iperidrosi

  • Cosa possono bere (e cosa no) i bambini nell’età della crescita

  • Caffè, brioche e dolci sorprese: i bar di Brescia dove la colazione è un'arte

  • Lo spioncino digitale per la porta di casa

I più letti della settimana

  • Nadia è morta per un cancro al cervello: la spiegazione degli oncologi italiani

  • "Era drammatico: Nadia sapeva che sarebbe morta, ma non perdeva il sorriso"

  • Offlaga: parte un colpo di fucile, morto il 19enne Riccardo Moretti

  • Nadia Toffa, al funerale c'era l'ex fidanzato: quando parlò di figli e matrimonio

  • Nadia Toffa, è il giorno dell'addio: attese centinaia di persone da tutta Italia

  • Da un piccolo allevamento a un impero da 50 milioni: morta Elvira Crescenti

Torna su
BresciaToday è in caricamento