Morto a 20 anni, il padre: “Matteo ucciso da un arresto cardiocircolatorio”

Non è stata nemmeno disposta l'autopsia: sabato pomeriggio alle 15 i funerali di Matteo Silini, morto a 20 anni per un arresto cardiocircolatorio. La tragedia allo studentato universitario di Trento

Nessun mistero per la morte del giovane Matteo: le indagini si sono già concluse, non ci sarà nemmeno bisogno che venga sottoposto ad autopsia. E' stato un arresto cardiocircolatorio a portarselo via per sempre: un malore che l'ha colpito la mattina di Ognissanti e per cui purtroppo, quando i suoi compagni di stanza se ne sono accorti, non c'è stato più niente da fare.

La salma è stata trasferita all'obitorio dell'ospedale di Trento già lunedì, per gli accertamenti medico-legali. E martedì è arrivata la conferma. La notizia è stata confermata anche dai genitori di Matteo, mamma Susanna e papà Severino: proprio il padre avrebbe mandato un laconico messaggio Whatsapp ad amici e conoscenti.

Poche parole per dire tutto: “Matteo è morto per un arresto cardiocircolatorio”. Tradito dal cuore, ma che non l'aveva mai tradito: Matteo Silini aveva solo 20 anni, giovane e pieno di vita, grande appassionato di montagna e grande sportivo. Aveva cominciato con il calcio, da qualche tempo si cimentava con l'atletica leggera.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Lastre di cemento sfondano la cabina del tir: strada chiusa e caos traffico

  • Addio Elisabetta, una lunga lotta contro il cancro: "Sei stata un esempio per tutti"

  • Scende dal bus e attraversa la strada: ragazzino travolto sotto gli occhi degli amici

  • Malore al volante, si schianta nel campo e muore: a bordo dell'auto anche moglie e amici

  • Tragico incidente mentre torna a casa dal lavoro: muore padre di famiglia

  • Cade dalla bicicletta e cerca di aiutarlo: il cane gli strappa via il naso

Torna su
BresciaToday è in caricamento