Epidemia di polmonite, nasce un comitato e si pensa alla class action

Formalizzata la nascita del comitato di salute pubblica "La corsa per la vita", sostenuto anche da un avvocato che raccoglierà le istanze delle persone ammalate per chiedere un risarcimento

Mentre l'emergenza sembra rientrare, i cittadini dei comuni maggiormente colpiti dall'epidemia di polmonite- oltre 700 i casi accertati- si danno da fare per non far spegnere i riflettori sulla vicenda. È stata formalizzata mercoledì sera la nascita del comitato di salute pubblica "La corsa per la Vita" , presieduto dal suo promotore Carmine Piccolo. L'obiettivo principale, ma non l'unico, è quello di arrivare a una verità sulle cause del contagio. 

Il sodalizio, nato a Montichiari, è pronto anche a lanciare un'azione legale per chiedere un risarcimento e si è rivolto ad un avvocato - il legale Donatella Menta -  per valutare la possibilità di intentare una causa civile cumulativa.

Un'azione legale che potrà essere portata avanti solo dalle persone che sono state contagiate dalla polmonite o dalla legionella e non dal comitato. Si tratta, per ora, solo di una possibilità, ha spiegato l'avvocato. Per valutare la possibilità  di una causa civile, e chiedere un risarcimento per la violazione del diritto alla salute, è indispensabile riunire intorno a un tavolo tutte le parti coinvolte: le persone colpite dall'epidemia, i consulenti tecnici e le realtà che sarebbero responsabili.

Tra gli scopi del comitato, che intende collaborare con altre realtà nate nei paesi vicini: "Ottenere dalle pubbliche autorità interventi volti a sottrarre la popolazione dai pesanti impatti dell'inquinamento del territorio o a ridimensionare le sue possibili cause, attraverso l'adozione di prescrizioni, la redazione di protocolli e l'incremento di controlli e vigilanza".

Durante la prima riunione si è parlato anche dei fanghi di defecazione: è stata proposta una raccolta firme per chiedere ad Ats di effettuare alcuni controlli.

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (1)

  • è giusto sapere il motivo dell'epidemia.dalle istituzioni che dovrebbero tutelarci silenzio assoluto.

Notizie di oggi

  • Cronaca

    Cadavere carbonizzato: il corpo è di una 42enne scomparsa giovedì

  • Cronaca

    Alfa Romeo rubata alla Mille Miglia: era ancora in provincia

  • Incidenti stradali

    Ciclista investito e ucciso mentre torna a casa dal lavoro

  • WeekEnd

    Cosa fare a Brescia dal 18 al 20 gennaio: i migliori eventi del weekend

I più letti della settimana

  • "Hai fatto sesso con la mia fidanzata": pistola in pugno, rapisce un operaio e lo porta nei boschi

  • 300 chili di pesci morti, è una strage: nel lago una rete abusiva di quasi 1 chilometro

  • Timbra il cartellino, ma intanto se la spassa al ristorante: licenziata in tronco

  • Muore senza eredi diretti: 2,5 milioni a lontani parenti, agli amici e al suo paese natale

  • Operaio rapito fuori dal lavoro e portato nei boschi: ricerche a tappeto

  • Forte scossa di terremoto scuote il Nord Italia: l'epicentro a Ravenna

Torna su
BresciaToday è in caricamento