Tre bimbi ricoverati nello stesso reparto, tutti morti: si indaga per omicidio colposo

Sono tre le inchieste aperte dalla Procura, una per ogni neonato deceduto: fanno parte di un fascicolo più ampio, in cui si indaga per omicidio colposo

Tutti e tre ricoverati nello stesso reparto: il piccolo Marco, morto solo un paio di giorni fa, e poi il neonato Cristian, morto nella notte tra il 3 e il 4 gennaio, la piccola Nicole che invece se n'era andata il 30 dicembre. Lo stesso reparto dove la scorsa estate era morto il piccolo Paolo, ucciso da un'infezione gravissima di Serratia marcesens.

Il cosiddetto “batterio killer”, che secondo la letteratura medica si sviluppa all'interno di ambienti ospedalieri, e appunto era stato rilevato anche al Civile. Anche il fratello gemello di Paolo era rimasto infettato, ma per fortuna è guarito, ora sta bene. Ma oltre a loro furono addirittura una decina i neonati, tutti nati prematuri, ad essere purtroppo interessati dall'epidemia di Serratia marcesens dello scorso agosto.

A seguito dell'accaduto vennero indagati medici e infermieri, in tutto 16 persone. E ci sono ancora oggi gli strascichi di quell'infezione: ci sarebbe infatti ancora un altro bambino ammalato, ricoverato in ospedale per lo stesso motivo e non ancora fuori pericolo.

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (1)

  • Avatar anonimo di Riccardo
    Riccardo

    Mah.

Notizie di oggi

  • Cronaca

    "Ha ucciso l'ex moglie per gelosia", ma del cadavere ancora nessuna traccia

  • Attualità

    Tentata strage di bambini: a Brescia abusi sessuali su una ragazzina

  • Cronaca

    Tanfo insopportabile: si teme il peggio, ma vive in casa con 4 gatti morti

  • WeekEnd

    Cosa fare a Brescia dal 22 al 24 marzo: i migliori eventi del weekend

I più letti della settimana

  • Tragedia in casa: ragazza non risponde ai familiari, i pompieri la trovano morta

  • Incidente a Calvagese della Riviera: morti Marco Cioccarelli e Alessandro Giuliani

  • Marco e Alessandro, tra sogni e ricordi: due giovani vite spezzate troppo presto

  • L'auto distrutta in un groviglio di lamiere: lesioni cerebrali per il ragazzo alla guida

  • Blocca una bambina in strada e le mostra il pene: condannato operaio bresciano

  • Ambra senza filtri sull'ex: "Renga? Complicato vivere vicini, ma sa farmi ridere"

Torna su
BresciaToday è in caricamento