Zone: continua la virtuosa collaborazione tra il comune e Humana per la raccolta di abiti usati

L’organizzazione umanitaria prosegue con la gestione del servizio sul territorio, con importanti benefici sociali e ambientali

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di BresciaToday

Continua la sinergia con il comune di Zone, che ha confermato l’affidamento del servizio di raccolta e avvio al recupero degli indumenti usati all’organizzazione di cooperazione internazionale Humana People to People Italia. Questa virtuosa collaborazione permette di sostenere importanti progetti sociali e di tutelare l’ambiente. Solo negli ultimi tre anni, gli abitanti del comune bresciano hanno donato a Humana 15.955 chili di abiti usati, scarpe e accessori.

Anche grazie alle loro donazioni, nel 2017 Humana ha destinato oltre 1,5 milioni di euro a 41 progetti di assistenza all’infanzia, di accesso scolastico, di formazione sui temi dell’accesso al cibo e dell’agricoltura sostenibile, di prevenzione dell’HIV e di lotta alla tubercolosi nel sud del Mondo e ad azioni sociali in Italia. A ciò si aggiungono importanti benefici ambientali: grazie ai quasi 16 mila chili di indumenti raccolti è stato possibile evitare l’emissione di 57.400 chili di anidride carbonica, evitare lo spreco di oltre 95,7 milioni di litri di acqua e scongiurare l’utilizzo di oltre 4.700 chili di pesticidi e di oltre 9.500 chili di fertilizzanti.

Il servizio di Humana è gratuito e il fatto che gli abiti siano conferiti nei contenitori dell’organizzazione umanitaria consente all’amministrazione comunale, e quindi ai cittadini, di ridurre i costi di smaltimento rifiuti (poiché gli abiti non finiscono nella raccolta indifferenziata), con un conseguente risparmio economico di circa 2.400 euro nell’ultimo triennio. I cittadini di Zone possono continuare a conferire i propri abiti e scarpe usati nei contenitori Humana posizionati in via Aldo Moro e in via Sebino. Ecco cosa è possibile conferire nei contenitori: - capi d’abbigliamento; - accessori d’abbigliamento (cappelli, cinture, foulard); - scarpe; - borse e zaini; - biancheria per la casa.

I più letti
Torna su
BresciaToday è in caricamento