XXV Winter Marathon: la sfida ad alta quota di Centro Porsche Brescia

Se i sogni son davvero desideri, quelli di Centro Porsche Brescia sono diventati una bellissima realtà correndo al fianco della XXV Winter Marathon, in qualità di Main Sponsor.

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di BresciaToday

Sono stati quattro giorni densi di emozioni e segnati da un freddo pungente quelli che hanno racchiuso, dal 24 al 27 gennaio, l'ultima edizione della Winter Marathon, la 25a, un quarto di secolo vissuto con passione e portato con eleganza e sportività. Anche quest'anno l'impegno di Centro Porsche Brescia è stato a tutto campo, a partire dall'allestimento in Piazza Sissi a Madonna di Campiglio di un'Area Hospitality, caratterizzata da un corner dedicato agli accessori e ai capi di abbigliamento della Porsche Design Driver's Selection, oltre che dall'esposizione statica di una vasta gamma di vetture Porsche: una 911 Carrera 2 Cabriolet, una 911 Carrera 2S Cabriolet, una 911 Carrera 4S, una Panamera S Hybrid e una Cayenne Diesel. A bordo di quest'ultima, il tecnico specializzato in Porsche Classiche di Centro Porsche Brescia ha seguito la gara, unendosi al corteo di auto storiche insieme ad altre tre Porsche fornite alla Direzione di gara: una Panamera 4S, una Boxster S e una 911 Carrera 4S in edizione esclusiva con il pacchetto Sport Design.

Se 25 sono le edizioni della Winter Marathon ad oggi, di ben altra entità sono i numeri che l'hanno contrassegnata: 154 equipaggi partecipanti con 123 rientrati in classifica, tra i quali 49 a bordo di Porsche, 5 equipaggi "rosa" - il primo dei quali, composto da Emanuela Cinelli e Elena Scaramuzzi, ha concluso la gara con un esaltante 35° posto - e numerosi equipaggi stranieri provenienti anche dagli USA e dalla Gran Bretagna, dalla Svizzera e dalla Turchia, a testimonianza che lo sport e la passione per i motori non hanno davvero confini di alcun genere.

Strade perfettamente agibili hanno caratterizzato il percorso dell'edizione 2013, reso maggiormente impegnativo dal freddo intenso che ha visto sui passi più elevati - Pordoi, Gardena e Valparola - punte anche di -15° C con mucchi di neve, però, solo ai bordi della strada. La classifica finale, dopo le 36 prove valide ai fini della sua composizione, ha visto salire sul gradino più alto del podio l'equipaggio composto da Antonino Margiotta e Bruno Perno del Club Orobico su Morris Mini Cooper S del 1965, seguito da Alberto Aliverti e Alberto Maffi della F.M. Franciacorta Motori su Lancia Aprilia del 1940 e Giuliano Canè e Lucia Galliani della Loro Piana Classic ancora su Lancia Aprilia ma del 1938. Buon piazzamento per l'equipaggio targato Centro Porsche Brescia composto, come da tradizione, da Biagio Capolupo e Beatrice Saottini a bordo di una Porsche 911 S del 1968, che con il loro 67° posto migliorano di 8 posizioni la classifica dello scorso anno. 102° piazzamento, invece, per l'equipaggio composto da Mauro Gentile e Pietro Innocenti, rispettivamente PR Press Manager e Direttore Generale di Porsche Italia, a bordo di una 356 A Speedster del 1956. Il corteo delle vetture in gara è stato chiuso dagli equipaggi formati da Soci e Amici del Porsche Club Brescia.

La gara è stata trasmessa per la prima volta in diretta sul sito www.wintermarathon.it, dando la possibilità al vasto pubblico di appassionati di poter seguire le sue fasi salienti, dalla partenza, al transito sui passi dolomitici più caratteristici, fino all'arrivo notturno nel centro di Madonna di Campiglio. In diretta anche i trofei sul laghetto ghiacciato, i tradizionali MotorStorica, riservato alle vetture anteguerra scoperte che hanno partecipato alla gara di regolarità, che ha visto prevalere l'equipaggio Gennaro - Giacomello su Jaguar SS100 del 1938, e TAG Heuer Barozzi, vinto ancora da Margiotta - Perno. In diretta anche la premiazione che si è svolta in serata presso il Centro Congressi PalaCampiglio, durante la quale Centro Porsche Brescia ha orgogliosamente premiato i tre migliori equipaggi Porsche: il 1° equipaggio maschile, composto da Fontanella - Malta su Porsche 356 A Coupé del 1955 (6° della generale), il 1° equipaggio femminile, composto da Marini - Stoeckelmann su Porsche 911 del 1965 (75° classificato) e il 1° equipaggio bresciano composto da Cibaldi - Costa su Porsche 356 SC Coupé del 1963 (13° classificato).

Sulle auto di Centro Porsche Brescia e Porsche Italia (storiche e non) risaltava una banda adesiva colorata che riportava lo slogan "Il tuo sogno è possibile", per promuovere la campagna di comunicazione ideata lo scorso novembre da Oliviero Toscani con Oscar Giannino per presentare l'auto sportiva come una "emozione razionale" da guidare e ridare così vigore al sogno di possedere una vettura come la Porsche 911.

Ma quello Porsche non è stata l'unico adesivo ad attirare l'attenzione. Su iniziativa della Scuderia Brescia Corse, diverse vetture si sono presentate al via con la scritta "Guido nel cuore": Guido Foresti ha così idealmente partecipato alla XXV Winter Marathon, accanto a tutti coloro che per anni ha incrociato sulle strade delle gare di regolarità e che desiderano mantenere viva la speranza di vederlo partecipare con la consueta intensa passione alla prossima edizione della manifestazione di Madonna di Campiglio.

Un'altra dimostrazione, se mai ce ne fosse bisogno, di quanto lo sport possa e riesca sempre ad essere veicolo di coesione e renda tutti orgogliosi di esserci!

Torna su
BresciaToday è in caricamento