Volley

La Svezia incorona un giovane coach bresciano: che trionfo per Mattia Cozzi

Classe 1994, è cresciuto a Salò ha conquistato la medaglia d’oro alla Golden League come assistente allenatore della nazionale scandinava

Giovane, bresciano, cresciuto a Salò, per 8 anni nel mondo Millenium: Mattia Cozzi, classe 1994, è tecnico che si sta facendo letteralmente le ossa e che è già riuscito a ritagliarsi una soddisfazione importante a libello internazionale. Questa settimana, infatti, si è aggiudicato la medaglia d’oro della Golden League da assistente allenatore della Nazionale Svedese di Pallavolo Femminile.

Tra l’altro, ha ufficializzato negli ultimi giorni anche l’incarico di primo allenatore della Nazionale Under 20 del paese scandinavo, senza dimenticare il ruolo di assistente allenatore di Giulio Cesare Bregoli a Chieri in Serie A1. Un percorso che non lascia indifferenti e che inorgoglisce tutta Brescia. Mattia è rimasto nello staff della Millenium Brescia a partire dalla stagione 2016/2017 come allenatore e poi anche preparatore delle giovanili.

Dal 2018/2019, ha aggiunto il lavoro con la prima squadra, prima come assistente preparatore, poi anche in qualità di assistente allenatore. Nel 2020/2021, è stato promosso a terzo allenatore in A1, mantenendo il ruolo di vice-preparatore, e poi come primo assistente di coach Beltrami prima e di Solforati poi.

Gli ultimi successi non sono comunque casuali, soprattutto se si rileggono le sue dichiarazioni del 2018, fresco di laurea in Scienze Motorie: "Sono il più giovane alla Millenium. L'occasione per crescere e migliorarmi è incredibile su tutti gli aspetti. Sono contentissimo e voglio assorbire come una spugna. Testa bassa, umiltà, lavorare ed imparare il più possibile”. L’impressione è che presto lo vedremo sulla panchina di qualche club importante per spiccare definitivamente il volo.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

La Svezia incorona un giovane coach bresciano: che trionfo per Mattia Cozzi
BresciaToday è in caricamento