rotate-mobile
Volley

Finale di Coppa Italia di A2: le voci dei protagonisti della Millenium Brescia

Le Leonesse sono uscite sconfitte, ma rimane la consapevolezza di aver compiuto un percorso importante

Archiviato l’atto finale di Coppa Italia Frecciarossa di domenica 29 gennaio, organizzato dalla Lega Volley Femminile in collaborazione con Master Group Sport all’Unipol Arena di Casalecchio di Reno, la Millenium Brescia di Alessandro Beltrami ritorna al PalaGeorge per gli allenamenti settimanali in vista dei prossimi impegni di campionato. La Final Four congiunta (in palio la 45ª Coppa Italia di A1 e la 26ª Coppa Italia di A2) è stata un successo di numeri: oltre 4.000 le presenze per le semifinali di Serie A1 al sabato, la domenica record assoluto per un evento di Lega, con più di 8000 spettatori nella finalissima tra Conegliano e Milano, oltre 7.000 già presenti alla sfida delle 14 tra Brescia e Roma. Un successo anche televisivo per la Serie A2 con il lusso di potersi vedere in diretta, oltre che su Volleyball World, su Sky Sport Arena con collegamenti e interviste dal campo.

Il tutto accompagnato dalla telecronaca di Stefano Locatelli e Serena Ortolani, per oltre 17mila spettatori. Non sono mancate anche le attività collaterali che hanno dato risalto all’evento: dai tornei giovanili, alla Nazionale femminile iridata del 2002, dalla presenza dei Disco Club Paradiso fino alla masterclass di telecronaca con Pancani e Tranquillo alla quale ha partecipato anche il volto di Millenium Davide Antonioli. Senza contare la presenza del Presidente della CEV Aleksandar Boričić, Julio Velasco, Davide Mazzanti e tanti altri.

È ancora viva l’emozione della domenica di Coppa – racconta il direttore Emanuele Catania  in primis vorrei rinnovare i complimenti a Roma per la vittoria, si tratta di una squadra di livello superiore e ha dimostrato il suo valore, basti pensare che ad oggi non ha mai perso una partita. Ci hanno messo alle strette già dai primi scambi, ma sono contento della reazione della squadra, anche se non è bastato, abbiamo dimostrato che ci siamo. Devo dire che ci hanno fatto tantissimi complimenti per il gioco espresso e per il pathos del terzo parziale, che ha infiammato il palazzetto. Nonostante il risultato, abbiamo avuto la certezza che la squadra c’è, ed è un segnale molto importante per il proseguo del campionato, negli scontri diretti noi ci siamo”.

Infine una disamina sull’evento: “Bisogna fare i complimenti per l’eccellente lavoro della macchina organizzativa e di promozione, che ho già riportato nelle opportune sedi, a Lega Pallavolo Serie A Femminile e Master Group Sport, e ai rispettivi staff, per la scommessa vinta di una doppia finale così spettacolare. Ho voluto rimarcare alle ragazze e allo staff che, nonostante la delusione, dobbiamo essere molto grati di aver preso parte a un weekend così. Giocare in un palazzetto prestigioso come l’Unipol Arena gremito da oltre 7.000 fan, in diretta Sky, davanti a personaggi del calibro di Davide Mazzanti, Julio Velasco e tante campionesse e campioni del volley, non è certo normale per le formazioni di A2. Chiaramente la finale di A1 delle 18 ha trascinato l’evento, ma già dalle 14 e nel corso di tutto il match di A2, da oltre 6.000 spettatori si è arrivati alla cifra record assoluto di 7.200, un numero davvero impensabile per la serie cadetta. Un orgoglio per la società e i suoi sponsor”.

È stata un’esperienza importante per un gruppo nuovo e giovane – ha commentato coach Alessandro Beltrami – in un contesto così spettacolare e contro un avversario di questo livello è sicuramente un momento importante. Le sconfitte bruciano, specialmente in finale, ma possiamo imparare qualcosa dagli altri e da noi stessi, come squadra e come individui. Spero le ragazze portino con loro un sentimento profondo di positività oltre il risultato sportivo, imparare a vincere passa anche per partite come queste, portandoci ai limiti ma costringendoci anche a reagire”.

Un pensiero anche per gli Amici delle Leonesse: “Trovo fantastico vedere anche a Bologna tanti tifosi a sostenerci, come sempre in maniera positiva e festosa, anche quando si perde loro ci sono sempre. Adesso testa al campionato – conclude il tecnico – l’obiettivo è chiaro: vogliamo raggiungere i play-off”.

“Un incontro davvero molto interessante" per Davide Antonioli, telecronista di Millenium da questa stagione, che sabato ha partecipato alla masterclass organizzata da Lega Volley Femminile. Quella di Flavio Tranquillo e Francesco Pancani non è stata una lezione, ma un momento di confronto durante il quale hanno risposto alle nostre domande. Sono stati snocciolati consigli e ovviamente aneddoti dalla loro lunga esperienza. Ho trovato molto interessanti anche i diversi momenti di racconto relativi anche all’inizio della loro carriera. Le parole chiave sono state la fortuna e la passione – “malattia” – che li hanno portati a fare questo lavoro. Altro interrogativo è stato relativo alla dualità tra giornalismo e entertainment ed è stata sottolineata l’importanza della seconda voce, che a tutti gli effetti sta diventando un secondo telecronista. Nuovi linguaggi, legati anche all’avvento dei social, l’importanza della sensibilità durante le partite e della preparazione prima. Per me e per tutti i colleghi è stato davvero interessante e ha permesso di cogliere suggerimenti che ci porteremo nelle nostre carriere, a partire da questa seconda parte della stagione. Terrò stretto questo momento in cui ho potuto incontrare due mostri sacri che fanno questo lavoro”.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Finale di Coppa Italia di A2: le voci dei protagonisti della Millenium Brescia

BresciaToday è in caricamento