rotate-mobile
Domenica, 14 Aprile 2024
Volley

Volley A2, Brescia lotta ma cede con Grottazzolina

Finale 3-1

"È una sconfitta che fa rabbia, perché un punto forse ce lo potevamo portare via, ma non fa male: i ragazzi hanno lottato fino alla fine su un campo difficile e credo che abbiamo dato vita ad una bella partita, contro una squadra che ha battuto sempre molto forte, con terminali offensivi che non sono mai calati. Grottazzolina sta facendo ottimi risultati in questa fase e questa partita l’ha vinta con merito, ma non per demerito nostro. Ora pensiamo alle prossime quattro imprese che ci aspettano". Questo il commento di coach Zambonardi dopo il ko della sua Brescia contro Grottazzolina per 3-1.

Il primo break è dei padroni di casa che, con servizio efficace e muro, sorpassano 10-7. Gallo arriva a meno uno, ma Nielsen trova il secondo ace personale e riprende la corsa. La battuta di casa mette in difficoltà la ricezione biancazzurra, che fatica a contenere la potenza di Rizo anche in attacco (18-13). E’ il quinto errore di Brescia da fondocampo a concedere il primo set alla Videx, assistita da una positività in attacco al 72% (25-18).

Esposito ferma la pipe di Nielsen e segna il suo punto numero 1.500 in serie A. Si viaggia in parità fino all’errore della prima linea bresciana (10-7), poi Gallo salva in difesa e si infiamma, piazzando l’ace del pareggio. Abrahan mette il block su Nielsen (10-11), poi il muro dei Tucani e una maggiore incisività in attacco – con Gallo e Candeli innescati ripetutamente da Tiberti – valgono il 17-19. Tre errori dai nove metri consecutivi e l’ace di Bartolucci consentono il 22 pari. Ai vantaggi è il doppio muro di Abrahan a riaprire i pronostici (25-27).

Brescia tiene i nervi saldi, sulle azione lunghe difende con pazienza e ricostruisce partendo dal suo muro, ma è ancora di Rizo il primo strappo (5-3). Vecchi piazza la palla corta dalla linea di fondo e Gallo risponde con la stessa moneta (13-11); Loglisci entra in ricezione per Abrahan e si rivede Petry in attacco, ma non basta: il muro di Bartolucci prima e un ace di Marchiani poi – fortunoso e contestato -, scavano il solo fatale (20-16) e agevolano il finale di set in favore dei padroni di casa (25-19).

Brescia rincorre e aggancia a 8, superando gli avversari con l’ace di Candeli (che ha sfondato quota 600 punti in serie A). Loglisci rileva un appannato Petry e si gioca in equilibrio, con tutto l’attacco bresciano teso nello sforzo di andare a prendersi almeno un punto. Rizo pareggia a 18 e Nielsen infilza la ricezione dei Tucani (19-18), poi è ancora il cubano a fermare Gallo a muro (21-20). Sarzi entra in battuta, ma non risolve. Rizo pizzica la riga col diagonale del 23-21 e Nielsen conquista il match grazie a  due mani-out (21-25).

Brescia: Rizzetti ne, Petráš 6, Gatto ne, Loglisci, Tiberti 1, Giani, Sarzi Sartori, Franzoni (L), Galliani 14, Candeli 12, Esposito 10, Mijatovic ne, Abrahan 14, Bisi ne. All. Roberto Zambonardi.
Grottazzolina: Giorgini, Cubito 6, Vecchi 10, Focosi, Pison ne, Bartolucci 7, Breuning 21, Ferrini, Bonacic, Foresi (L2) ne, Rizo Gonzalez 26, Marchiani 4, Romiti (L1). All. Ortenzi;

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Volley A2, Brescia lotta ma cede con Grottazzolina

BresciaToday è in caricamento