rotate-mobile
Volley

A2: la Millenium Brescia sbanca Olbia, contro l’Hermaea servono 4 set infuocati

Vittoria esterna per le Leonesse che vengono nuovamente trascinate da una Obossa in stato di grazia

Sul difficile (e freddo) campo di Olbia le Leonesse della Millenium Brescia mostrano gli artigli e si prendono l’intera posta in palio contro una formazione che in casa ha sempre dimostrato il suo miglior gioco. Dopo due set ben controllati da Boldini e compagne, salvo qualche sbavatura in attacco, la reazione delle isolane è perentoria nel terzo set. Il match si conclude con un ace di un’ottima Alice Torcolacci, che beffa le olbiesi che non raccolgono punti, e regala sorrisi alle bresciane che mantengono il secondo posto in solitaria. Nel sestetto titolare torna Pamio in diagonale con Cvetnic, per il resto confermata la formazione tipo con le due centrali Torcolacci e Consoli, opposta Obossa e capitan Boldini al palleggio, Serena Scognamillo libero. Le ospiti rispondono con la diagonale Bridi-Messaggi, al centro Tajè e Gannar e le due bande sono Bulaich e Miilen, infine il libero è Barbagallo. Avvio di gara favorevole alle isolane che si portano 5-3, Cvetni? e Obossa provano a interrompere l’incedere delle bianco-azzurre, riacciuffate a quota 5.

L’accelerazione delle bresciane vale il +4 e Torcolacci risponde due volte presente. Non si fa attendere la risposta olbiese ma la Valsabbina trova soluzioni in 4 e coach Guadalupi si gioca il secondo tempo discrezionale sul 11-16 e sortisce l’effetto di un break di 2 punti. Obossa fa cambio palla dalla seconda linea e Brescia vola a 14-20 così Guadalupi inserisce Bresciani e Schirò cambiando la diagonale principale, e coach Beltrami preferisce parlare con le sue al tempo discrezionale 20-16. Torcolacci non tradisce la fiducia di Boldini con due attacchi esemplari e sul 19-23 rientra per l’Hermea la diagonale che ha iniziato il match. Le isolane non mollano e si rifanno sotto ma Pamio la chiude 21-25.

All'inizio di seconda frazione si vede Consoli in attacco e, dopo qualche sbavatura in attacco, le ragazze di Beltrami aumentano la qualità dei fendenti offensivi. C’è grande movimento sulla panchina locale: fuori Gannar e dentro Diagne (4-7), time-out (4-8) e ancora cambio Schirò per Messaggi in posto 2 (4-9). Cvetni? martella davanti e anche dalla linea dei 9 metri, Obossa ci mette il monster block del 7-13, quindi Guadalupi inserisce Fontemaggi per Miilen e il punto successivo ricorre al secondo tempo a disposizione. Errore della croata in battuta dopo il time-out, ma Obossa riconquista subito il cambio palla e Pamio piazza l’ace del 10-18. Olbia cerca il rientro in scia delle ospiti con un break di 5 punti e Beltrami decide di fermare il gioco per riordinare le idee delle sue che hanno perso lucidità. Le Leonesse sfoderano gli artigli e chiudono la contesa 29-25 per lo 0-2 momentaneo.

Terzo parziale che vede in campo per Olbia: Bridi-Schirò, Gannar-Tajè, Bulaich-Miilen e Barbagallo. E sono proprio le sarde a cominciare con perentorio 0-3, a cui risponde il primo tempo di Torcolacci prima, e la bomba di Obossa poi per il 4 pari. Nuovo allungo dell’Hermea che scappa a +2 e nuovo riacciuffo delle lombarde con le due formazioni che viaggiano a strappi. Tempo Beltrami sul 9-6. Brescia mette la testa avanti per la prima volta sul 13-12 e Obossa griffa due punti d’oro per il 15-13 ma consegna l’errore del 15 pari con Miilen che fa l’ace del sorpasso Olbia con il coach della Valsabbina a chiamare il secondo e ultimo tempo ma non è pervenuta la reazione delle ospiti costrette a inseguire una super Bulaich. Sul 23-21 dentro Fontemaggi in ricezione per l’Hermea ma Obossa piazza l’ace sulla neo entrata e Consoli pesca il block fondamentale su Bulaich per il 24 pari. Tuttavia l’argentina continua a picchiare duro fino al 27-25 che riapre il match.

Quarto parziale senza variazioni di formazione con la Valsabbina che si porta 2-4 e Torcolacci mette la firma su due ace consecutivi (3-8) ma le bresciane si complicano la vita facendo rientrare le locali 8-9. Le due squadre viaggiano a un break di distanza con botta e risposta continui, salvo l’allungo delle Leonesse 11-14 con Obossa, ma due brutti errori in attacco consentono alle sarde di pareggiare a quota 15. Due super spike dell’opposto bresciano consentono alle Leonesse di salire a +2 ma riecco la nuova parità con Bridi al palleggio. Cvetni? fa segnare un nuovo +2 ma la gara è infuocata e Olbia trova il nuovo equilibrio a quota 20. Primo tempo vincente di Torcolacci che porta le ospiti 21-22 ma Miilen pareggia in parallela, e ancora il centrale bresciano regala il primo match point alle Leonesse, che poi va in battuta e pesca l’ace decisivo con l’aiuto del nastro, che chiude il match 23-25. Il tabellino del match:

HERMAEA OLBIA-MILLENIUM BRESCIA 1-3 (25-19; 25-21; 26-24)

OLBIA: Messaggi 3, Fontemaggi 0, Miilen 9, Gannar 7, Diane 0, Bulaich 22, Bridi 3, Bresciani, Tajè 11, Barbagallo (L); Schirò 10. All.: Guadalupi.

BRESCIA: Blasi (L) n.e.; Orlandi n.e.; Boldini 4; Consoli 9; Torcolacci 14; Cvetnic 16; Pamio 6; Obossa 32; Munarini n.e.; Scognamillo (L); Zorzetto n.e.; Foresi n.e.; Ratti n.e. All.: Beltrami

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

A2: la Millenium Brescia sbanca Olbia, contro l’Hermaea servono 4 set infuocati

BresciaToday è in caricamento