rotate-mobile
Giovedì, 19 Maggio 2022
Volley

A2: Brescia è un motore diesel, perde il primo set con Aragona poi si scatena

Il 3-1 conquistato oggi in casa contro le siciliane permette alla Millenium di rafforzare il primato nel girone A

Tentativo di fuga? Forse è presto per dirlo, ma il 3-1 della Millenium Brescia contro la Pallavolo Aragona di oggi pomeriggio è un buon viatico per i play-off promozione della Serie A2 femminile di volley. Pur con qualche sofferenza iniziale, la Banca Valsabbina riesce ad ottenere la sesta vittoria consecutiva di stagione, restando prima solitaria in classifica. Beltrami sceglie in partenza Morello-Bianchini, Ciarrocchi-Caneva, Cvetnic-Piva con Scognamillo libero in partenza; Micoli risponde con Casarotti-Zonta, Cometti-Negri, Dzakovic-Stival più Vittorio libero. Aragona parte alla grandissima con uno 0-3 iniziale firmato da Negri al servizio. Poi è il turno della battuta di Piva a riportare la questione in parità: 5-5.

E’ di nuovo la classe 2001 a decidere di smuovere l’equilibrio del set con una tripletta da 2 muri ed un pallonetto (14-11 e time-out Micoli), ma il muro di Casarotti riporta subito la parità al 16. La Seap ha un sussulto e va sul 19-21 con Zonta, che successivamente regala il set point le sue (21-24), con Cometti a firmare la chiusura in primo tempo: 23-25. Le Leonesse rientrano con la giusta determinazione, senza cambi campo, allungando con la bordata di Bianchini in pipe (5-2), seguita dal colpo di Cvetnic che doppia le avversarie e le manda al tempo: 10-5. Capitan Bianchini ruggisce sul 18-12, trascinando con sé il 25-15 di Cvetnic. La stessa grinta che ha caratterizzato il secondo set si vede anche nel terzo. Cvetnic firma il mani-out della fuga sull’8-3, poi le bresciane erigono un solido muro. Piva lo firma sul 12-7, poi Caneva imita la compagna sul 17-12. 

Cvetnic colpisce dai 9 metri (20-14). A poco serve il tentativo di Negri di riportare in linea le sue col muro del 22-17, seguito dalla parallela di Zonta che riduce a 4 le lunghezze: 24-20. La battuta di rete di Dzakovic segnerà il 25-20. L’inerzia del match sorride alle giallonere, che si scatenano anche nel quarto periodo, dove Bianchini costringe Micoli a sospendere sul 7-3, poi Piva si ripete in battuta e mette tutte nel sacco: 10-3 e nuovo tempo Aragona. L’attenzione sicula scema sempre più, non riuscendo più ad essere competitiva. Fanno bene anche Bartesaghi e Blasi, schierate da coach Beltrami nel corso dell’ultimo parziale. Dopo l’infortunio di Cometti, arrivato a una lunghezza dal termine del match (a lei i migliori auguri di pronta guarigione), il punto di Caneva chiude la contesa: 25-11 e 3-1.

La centrale Anna Caneva, autrice di 9 punti, commenta così al termine dell’incontro: “Sapevamo che contro Aragona sarebbe stata dura, anche vedendo la gara di andata. Quando parti con l’idea di dover fare bene, poi, le cose diventano difficili e così è stato nel primo set. Nel corso della gara abbiamo migliorato sicuramente riducendo gli errori diretti commessi nel primo parziale, prendendo sempre più confidenza con la gara stessa. Dobbiamo vedere anche le cose positive di oggi: abbiamo conquistato 3 punti preziosi ed abbiamo giocato al nostro meglio, pur lasciando un set alle avversarie. Ora abbiamo un altro ciclo di partite in pochissimi giorni, ma se giochiamo così possiamo scendere in campo continuamente, visti i risultati. Guardiamo ad una partita alla volta. La strada è ancora lunga”. Il tabellino del match:

MILLENIUM BRESCIA-PALLAVOLO ARAGONA 3-1 (23-25, 25-15, 25-20, 25-11)

BRESCIA: Cvetnic 20, Ciarrocchi 6, Bianchini 22, Piva 24, Caneva 9, Morello 3; Scognamillo (L), Blasi, Bartesaghi 3. N.E. Sironi, Giroldi, Fondriest, Tenca (L).  All. Beltrami.

ARAGONA: Dzakovic 16, Negri 8, Stival 9, Zonta 6, Cometti 6, Casarotti 1; Vittorio (L). Bisegna, Ruffa. All. Micoli.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

A2: Brescia è un motore diesel, perde il primo set con Aragona poi si scatena

BresciaToday è in caricamento