Domani sera allo Stadio Turina il Torneo Città di Salò

Dalle ore 20 l'atteso triangolare tra Brescia, Lumezzane e Feralpi Salò. Il presidente Pasini sul campionato in arrivo: "Siamo nel girone più difficile, partiamo con umiltà e con la voglia di fare bene. Obiettivo salvezza, poi si vedrà"

Si comincia domani sera alle ore 20 per la seconda edizione del Torneo Città di Salò, valido come Memorial Salieri. Alla manifestazione parteciperanno, oltre alla Feralpi Salò padrona di casa, anche il Brescia Calcio e l’Ac Lumezzane, per sfidarsi in un più che classico triangolare. Il primo match vedrà affrontarsi la Feralpi ed il Lumezzane; la perdente del primo incontro affronterà il Brescia nella seconda partita delle ore 21 mentre la vincente del derby tra gardesani e valgobbini tornerà in campo alle ore 22 per sfidare i ragazzi di Beppe Scienza.

Archiviato il passo falso con il Taranto in Coppa Italia la Feralpi Salò continua la preparazione in vista della stagione 2011/2012 in Lega Pro 1. “Noi sappiamo bene che quest’anno dovremo affrontare una categoria difficile – commenta il presidente Giuseppe Pasini – soprattutto perché siamo finiti nel girone più difficile tra i due. Partiamo con umiltà e con la voglia di fare bene, sperando naturalmente nella salvezza: questo è l’obiettivo che la società si è data, poi lungo il cammino si vedrà”.

Derby in amichevole, ma niente derby in campionato: “Nel calcio non sempre accade quello che dovrebbe essere più logico. Due cittadine che condividono la stessa categoria.. Da anni a Brescia non c’erano due squadre in Lega Pro 1 ma non possiamo fare altro che adeguarci. Credo che il mio pensiero sia lo stesso di quelli di Lumezzane, sarebbe stato davvero bello”.

Infine due parole sentite per il capitano di sempre Cristian Quarenghi: “Abbiamo fatto una bella sorpresa a Cristian, a dimostrazione dell’attaccamento che la città e la squadra ancora ha nei suoi confronti. Come quello che ha avuto lui nei confronti della maglia, fino all’ultimo. La scelta di Quarenghi è una scelta di vita, e per questo va rispettata: un giocatore prima di essere tale è un uomo, un padre di famiglia”.

 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • "Devi far sesso con me, ma voglio i soldi": si rifiuta, lei lo butta giù dalla finestra

  • All'ospedale Civile una paziente col Coronavirus, controlli su 5 bresciani

  • Emergenza Coronavirus: 4 casi positivi al Civile, c'è il primo bresciano

  • Tragico infortunio sul lavoro: morto giovane operaio

  • Emergenza coronavirus: scuole chiuse in tutta la Lombardia

  • Coronavirus, Lombardia 'blindata": scuole chiuse, bar e locali off limits dalle 18

Torna su
BresciaToday è in caricamento