Mercoledì, 27 Ottobre 2021
Sport

Brescia: tennis, presentati gli Internazionali femminili del Castello

Nota- Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di BresciaToday

La cautela è d’obbligo perché basta poco per modificare i programmi delle giocatrici, ma ci sono tutte le premesse per far sì che l’undicesima edizione degli Internazionali Femminili di Brescia, presentata questa mattina nella splendida Sala dei Giudici di Palazzo Loggia (sede del Comune), diventi di gran lunga la migliore di sempre. Merito del montepremi, portato a 60 mila dollari nel 2017 e confermato anche per questa stagione, di una data particolarmente favorevole (di nuovo la seconda settimana del Roland Garros, quindi senza tornei Wta in concomitanza), ma anche dell’impegno degli organizzatori, capaci di rendere l’appuntamento un autentico gioiello.

Nel tennis le voci corrono, le giocatrici si confrontano e se l’entry list dell’Itf targato Forza e Costanza conta su oltre trenta delle prime 200 del mondo significa che l'evento piace sempre di più, grazie all’attenzione data alle protagoniste e anche ai continui ritocchi a una location unica, con 5 campi in terra battuta incastonati nel vecchio fossato del Castello di Brescia. A oggi la grande favorita per succedere nell’albo d’oro a Polona Hercog è Yulia Putintseva, kazaka dal carattere fumantino, numero 80 al mondo ma fra le Top 30 poco più di dodici mesi fa. La 23enne nativa di Mosca giocherà al Roland Garros, e se non dovesse arrivare alla seconda settimana (non è scontato: nel 2016 ha raggiunto addirittura i quarti di finale) si trasferirà a Brescia, a guidare un seeding di lusso. Che conta su almeno una dozzina di ex Top 100, su tutte Arantxa Rus, Alexandra Dulgheru e Patty Schnyder (addirittura ex n.7, con 11 titoli Wta nel palmarès), ma anche giovani dal futuro già scritto come le russe Sofya Zhuk (regina di Wimbledon juniores nel 2015) ed Elena Rybakina (vincitrice lo scorso anno del prestigioso Trofeo Bonfiglio di Milano). E poi ci sono tante altre pretendenti al trono, comprese molte protagoniste delle prime 10 edizioni.

Per quanto riguarda l’Italia le giocatrici già sicure di un posto sono tre: Deborah Chiesa, già nel tabellone principale, Martina Trevisan e Jessica Pieri, ma le inevitabili cancellazioni che dovrebbero arrivare nei prossimi giorni apriranno le porte degli Internazionali anche ad altre, in primis a Georgia Brescia, Anastasia Grymalska e Camilla Rosatello, quest'ultima recente protagonista al Foro Italico di Roma. Il tutto senza dimenticare le wild card, quattro in tutto, da dividere fra la Federazione Italiana Tennis e gli organizzatori, guidati dal direttore del torneo Alberto Paris. INGRESSO LIBERO: TANTO TENNIS... E NON SOLO Ma gli Internazionali femminili di Brescia non sono solo tennis, ed è proprio la graduale importanza data agli eventi collaterali che li ha resi un appuntamento sempre più apprezzato, trasformandoli in un punto di forza per attirare a Brescia giocatrici sempre più prestigiose.

Dal 3 al 10 giugno la sede del Castello si trasformerà in un punto di ritrovo per gli appassionati della provincia, che oltre al tennis potranno godere di un villaggio ospitalità curato nei minimi dettagli, dove rilassarsi fra un incontro e l’altro, e gustare i servizi a disposizione degli spettatori, non a caso diventati via via sempre più numerosi. Anche perché il secondo torneo femminile più importante d’Italia è gratis: l’ingresso ai campi del Forza e Costanza sarà libero per l’intera durata del torneo, finali comprese. Informazioni alla pagina Facebook ITF – Internazionali di Tennis Femminili.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Brescia: tennis, presentati gli Internazionali femminili del Castello

BresciaToday è in caricamento