Sport Via Plan di Montecampione

Giro d’Italia: due tappe bresciane, in Valcamonica sale la febbre rosa

La carovana rosa del Giro d'Italia 2014 si fermerà tre giorni in Valcamonica, dal 25 al 27 maggio: due le tappe camune, la prima con arrivo a Montecampione e la seconda con partenza da Ponte di Legno

La vittoria di Marco Pantani, a Montecampione, nel 1998

Cresce l’attesa per il passaggio bresciano del Giro d’Italia 2014, dal 25 al 27 maggio in terra camuna, coinvolgendo cinque Comuni. Un evento più unico che raro, e che le municipalità chiamate in causa sono pronte ad accogliere nel migliore dei modi, con un investimento complessivo pari a 200mila euro, cofinanziato con i privati.

Ci saranno eventi, Notti Rosa e appuntamenti correlati, un’accoglienza anche colorata perché Artogne, Darfo, Gianico, Piancamuno e Ponte di Legno saranno letteralmente ‘invasi’ dal rosa che caratterizza il Giro, un po’ come successo a Brescia un anno fa, quando in città venne addirittura incoronato il vincitore Vincenzo Nibali.

Saranno coinvolti i ragazzi delle scuole, a loro spetterà realizzare i poster e le locandine, ma pure gli universitari, progettisti in erba dei tre infopoint che saranno ‘piazzati’ ad Artogne, a Darfo Boario Terme e a Ponte di Legno.

Il primo passaggio ‘ufficiale’ sarà domenica 25 maggio, con la tappa di Valdengo che si concluderà a Montecampione. Dopo la gran fatica, e la gran salita, un lunedì di riposo, ma con la carovana rosa che rimarrà in terra camuna ad ‘occupare’ i paesi della Valle.

Si ripartirà poi il 27 maggio, con 139 chilometri di salite da Ponte di Legno alla Val Martello. Con una dedica speciale a Marco Pantani, a dieci anni dalla sua morte. Tutti ricordano una delle sue ultime e straordinarie imprese, la vittoria di Montecampione del 1998, decisiva per la vittoria del Giro.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Giro d’Italia: due tappe bresciane, in Valcamonica sale la febbre rosa

BresciaToday è in caricamento