Mercoledì, 16 Giugno 2021
Sport Mompiano

Brescia-Ascoli, le formazioni. Rivoluzione obbligata ma «senza paura»

In campo alle 15 con una formazione praticamente tutta nuova: Cragno pronto al posto di Arcari, Maxi Arias davanti alla difesa, Picci in coppia con Caracciolo. Dall'altra parte l'Ascoli che viene da quattro ko di fila

Niente paura, e non è una canzone del buon Ligabue ma il diktat di Alessandro Calori, “dobbiamo fare risultato, assolutamente, non c’è alternativa, se vogliamo continuare a sognare”. Eh già, diceva invece Vasco, noi siamo ancora qua, con il sogno playoff ma “non sarà facile, l’Ascoli è una squadra che si deve ancora salvare”. Non è un classico testacoda, di sicuro un bel preludio al gran finale, poi arrivano Livorno e Varese. E di certo il 3-1 del Verona non aiuta.

QUI BRESCIA – Rimaneggiati sì, quasi un’abitudine, e si comincia con l’inventarsi un po’ la difesa senza Daprelà e con Caldirola ‘azzoppato’, ma che dovrà farcela per forza, a destra Lasik e a sinistra Zambelli, poi si sale con la conferma della squalifica di Budel, ricorso respinto, e allora spazio a Maxi Arias, ancora più su, Corvia parte dai box ma due punte devono esserci, in parte all’Airone vedremo Picci. Rischia anche Arcari: Cragno è pronto.

QUI ASCOLI – La paura diffusa, di non disputare manco i playout, i punti di distacco devono essere meno di cinque, e l’Ascoli che non sta benissimo, ne ha perse 6 su 7 di cui quattro di fila. Eppure all’andata lo scherzetto l’hanno fatto, davanti non ci sarà Zaza ma Soncin, in parte a lui Feczesin, problemi sicuri anche in difesa, mancheranno Peccarisi (infortunato) e Prestia (squalificato), il ballottaggio arriva anche alla porta, su Maurantonio favorito Gomis.

Probabili formazioni

BRESCIA: Cragno, Lasik, De Maio, Caldirola, Zambelli, Finazzi, Maxi Arias, Rossi, Scaglia, Picci, Caracciolo

ASCOLI: Gomis, Ricci, Faisca, Legittimo, Scalise, Morosini, Loviso, Fossati, Pasqualini, Feczesin, Soncin

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Brescia-Ascoli, le formazioni. Rivoluzione obbligata ma «senza paura»

BresciaToday è in caricamento