rotate-mobile
Sport

Modena-Brescia 1-2. Happy hour al Braglia, e alla fine arriva l’Airone

Una partita di lotta e sofferenza, campo al limite della praticabilità e primo tempo dominato, la rimonta modenese e l'espulsione di Caracciolo Antonio. Nel finale poi entra Caracciolo Andrea, e salta più in alto di tutti

L’orario è quello giusto, chissà se i nostri mondani calciatori l’happy hour stasera l’avrebbero preferito al campo verde (e marrone) dello stadio Braglia di Modena. Il recupero della gara sospesa lo scorso 23 febbraio finisce invece nel migliore dei modi, dopo che le cose si stavano mettendo male, il 2-1 dei corsari in maglia biancoblu, il vantaggio dopo un primo tempo dominato, la rimonta dei padroni di casa con il pari di Stanco, il sospiro da uomo in meno, il gol annullato a Corvia e pure due rigori o quasi, uno per parte. E alla fine arriva lui, Andrea Caracciolo.

IL MATCH – Aria di spareggio al Braglia, in un campo buono solo nella parte centrale, con le fasce esterne che assomigliano a una palude d’annata. La partita comincia dunque lenta, tra scivoloni e rimpalli imprevisti, il primo tiro è modenese (destro a lato di Piscitella), poi viene fuori il Brescia, senza esagerare e con i tempi rallentati che la pioggia impone, un tentativo di Sodinha respinto dalla difesa, un paio di affondi del solito Zambelli, un tiro-cross di Corvia che il portiere blocca facile. Occasione Scaglia di testa, ma c’è il fuorigioco, poi il meritato vantaggio: minuto 41, bella apertura di Scaglia ancora per il capitano, palla in mezzo e banfella di Budel, la palla scende piano e scavalca il numero uno avversario, Rondinelle in vantaggio. Giusto in tempo per il cambio di campo.

Doppio cambio Modena, il bresciano Marcolin indovina le sue mosse, è proprio il subentrato Stanco a insaccare il pareggio. Bel cross di Moretti e gran colpo di testa, niente da fare per Arcari, qualche colpa alla difesa per una marcatura a dir poco approssimativa. E’ un Modena diverso, più aggressivo e forse anche meglio calibrato, ci vuole poco perché la partita cambi davvero, quando Caracciolo Antonio si becca il secondo giallo, l’arbitro non ci pensa nemmeno troppo, uomo e in meno e una buona mezzora da superare. Niente di grave, questo è chiaro, anche i padroni di casa sembrano accontentarsi, qualche grosso dubbio sul gol annullato a Corvia poco prima della mezzora, qualche piccolo dubbio sull’intervento che coinvolge Ardemagni dall’altra parte, steso in area. Al 38’ altro gol annullato, a Mitrovic. La mossa vincente di Calori si chiama, guarda caso, Andrea Caracciolo: entra e si sbraccia, Zambelli lo vede e lo serve, lui salta più alto di tutti, mezzo metro su Gozzi per infilare Colombi. Tutti a casa, col sorriso: a nulla serve la traversa scheggiata.

POST PARTITA – Un sospiro, di sollievo. Un sorriso, la tensione che se ne va. Tre punti a Modena, con un uomo in meno, nel fango di un campo rifatto solo a metà, o forse meno, il ritorno dell’Airone che mette in riga una difesa intera, saltando più in alto di tutti, come in pochi sanno fare. Il cammino è sempre in salita, non più così impervia: settimo posto in classifica, a due punti dalla più diretta avversaria.

MODENA-BRESCIA
LE PAGELLE

TABELLINO

MODENA-BRESCIA 1-2

MODENA: Colombi, Gozzi, Andelkovic, Perna, Minarini, Osuji, Moretti, Mazzarani (46’ Nardini), Lazarevic, Ardemagni, Piscitella (46’ Stanco). All. Marcolin
BRESCIA: Arcari, Zambelli, De Maio, Caracciolo Ant, Daprelà, Budel, Finazzi, Rossi, Sodinha (71’ Mitrovic), Scaglia, Corvia (80’ Caracciolo And). All. Calori

Marcatori: 39' Budel, 56' Stanco, 88' Caracciolo

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Modena-Brescia 1-2. Happy hour al Braglia, e alla fine arriva l’Airone

BresciaToday è in caricamento