rotate-mobile
Sport Mompiano

Brescia-Vicenza 0-1. La «nera» non finisce: prima sconfitta al Rigamonti

Quarta partita senza gol, prima sconfitta interna: il Brescia in crisi (quasi) nera battuto in casa dal Vicenza, decide Brighenti con un gran destro al volo. Tanta amarezza in attesa di una svolta: ma la classifica è corta

Trecentosessanta minuti senza segnare, un record al contrario per il Brescia che anche oggi non 'cava' quello che meriterebbe, sconfitta di misura (la prima in casa) con il rinato Vicenza di Dal Canto che in sette giorni dopo il Bentegodi espugna anche il Rigamonti, a chiudere il match il grandissimo gol di tale Brighenti, difensore o meglio terzino nato a Bussolengo, guarda il destino, in Provincia di Verona.

IL MATCH – Sembra subito uno scontro tra titani affamati, il Brescia che non vince (e non segna) da almeno 270 minuti, il Vicenza che espugna il campo del Verona nel derby e partita dopo partita si gioca la salvezza. Cinque minuti e primo ciclo di occasioni, punizione di Rossi a cui segue insidioso cross di Caracciolo, deviato in corner con traiettoria che sfiora il palo, altri cinque minuti e gran tiro di Budel che prima di uscire becca pure il palo. Brescia padrone del campo ma ancora per poco, vicentini che tirano fuori il muso e ci provano con Ciaramitaro, poi via di contropiede con un doppio Bellazzini, servito da Malonga. Si rivede il Brescia, cross di capitan Zambelli su cui smanaccia Bremec, occasionissima Airone tutto solo di testa, troppo morbido e troppo centrale. Si chiude il primo tempo con due parate di Arcari, la seconda di piede (in anticipo) sull'agile Malonga.

I maledetti cinque minuti d’inizio ripresa, dal primo corner lo straordinario destro al volo del veronese Brighenti, il Vicenza va in vantaggio. La risposta del Brescia dai piedi di Zambelli, l’uomo che da solo proverà a far rientrare la gara, mentre là davanti Caracciolo è sempre da solo, a poco servono i contemporanei ingressi di Corvia e Saba, bisogna aspettare il quarto d’ora per l’occasione di Lasik, in mezzo agli spintoni di una mischia infinita, palla ancora fuori. Il gran sinistro dell’Airone, minuto 21, l’ennesima deviazione e l’ennesimo corner, il Vicenza che mette anche Bojinov e la tenta in contropiede, un po’ come a Verona, in pochi minuti due grandi occasioni che si scontrano con un grandissimo Zambelli. Ancora Brescia, sopraffino stop di Corvia e sinistro che va alto, i minuti scorrono e l’assedio continua, Bremec su Lasik, Scaglia forte ma alto, all’ultimo ancora Corvia, e ancora un’altra parata.

POST PARTITA – Troppo lenti, o troppo fermi, mentre il Vicenza si fa squadra compatta e non appena agguanta il vantaggio si chiude con sapienza, sa aspettare e sa ripartire, al Brescia manca la grinta di uno Zambelli così, il migliore sopra tutti, senza alcun dubbio, poi tante facce deluse e tante giocate sprecate, anche l’Airone che di testa le prende tutte ma stavolta si può dirlo, quando l’occasione c’è stata la palla si è mossa piano, lenta lenta verso le mani sicure di Bremec. Niente di grave, la classifica è cortissima: speriamo però che queste domeniche grigie, che quasi si fanno nere, presto si allontanino, un po’ come si allontana l’inverno.

BRESCIA-VICENZA
LE PAGELLE

TABELLINO

BRESCIA-VICENZA: 0-1

BRESCIA: Arcari, Zambelli, Caldirola, De Maio, Daprelà (54’ Saba), Budel, Lasik, Rossi (78’ Sodinha), Scaglia, Mitrovic (54’ Corvia), Caracciolo. All. Calori
VICENZA: Bremec, Martinelli, Camisa, Milanovic, Brighenti, Bellazzini (74’ Padalino), Cinelli, Ciaramitaro, Semioli, Tiribocchi (68’ Giacomelli), Malonga (63’ Bojinov). All. Dal Canto

Marcatori: 50’ Brighenti

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Brescia-Vicenza 0-1. La «nera» non finisce: prima sconfitta al Rigamonti

BresciaToday è in caricamento