'Buco' da mezzo milione per la piscina comunale: rischio chiusura

Un mutuo da saldare, un contenzioso tra Comune di Rezzato e società di gestione: la piscina comunale di Via Milano rischia grosso, già chiusa tra 2013 e 2014. All'appello mancherebbe mezzo milione di euro

Foto di repertorio

Un 'buco' da mezzo milione di euro e la piscina comunale che rischia di chiudere i battenti, di nuovo. C'è un mutuo da pagare, sostanzioso: ma pure una contesa economica tra Comune e società di gestione. Oltre ovviamente ad un precedente giudiziario ma per cui non si esclude una replica, in caso non si arrivi ad un accordo. Siamo a Rezzato, piscine di Via Milano: una storia intricata, raccontata da BresciaOggi.

Le piscine già avevano chiuso, per qualche mese, a cavallo tra il 2013 e il 2014: solo alla fine dell'anno l'allarme sembrava rientrato. Il Comune aveva infatti chiesto la rescissione del contratto con il gestore, in questo caso Eurosporting, accusato appunto di aver “chiuso arbitrariamente” l'impianto senza tra l'altro aver completato “alcune opere accessorie”.

La notizia degli ultimi giorni invece riguarda un mancato pagamento: 600mila euro di 'rosso' che dovrebbero ancora essere versati alle banche. Soldi in parte anticipati dal Comune, per circa 100mila euro. Manca quindi un mezzo milione: e qui nasce il (nuovo) contenzioso tra le parti.

Il Comune avrebbe dovuto pagare la piscina circa 1,6 milioni di euro: a causa di ritardi nella costruzione, con penali, la cifra è poi scesa a poco più di 1,1 milioni. Ma ora la Eurosporting reclama parte di quei soldi, e che poi utilizzerebbe per pagare il mutuo pregresso. E intanto la piscina rischia grosso.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La nuova star della dieta? Un nutrizionista bresciano: "Ecco il mio metodo"

  • Tutte le regioni zona gialla a dicembre, ma si va verso il divieto di spostamento

  • Tragedia in paese: giovane uomo si chiude in garage e si toglie la vita

  • Massimo Boldi: il negazionista Covid testimonial del nuovo spot di Regione Lombardia

  • Barista fa sesso con un imprenditore, resta incinta e perde il bimbo: "Dammi 60mila euro"

  • Zona rossa: il ristorante rimane aperto a pranzo, ed è tutto a norma di legge

Torna su
BresciaToday è in caricamento