menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

FeralpiSalò: standing ovation per il debutto di Vittorio Fabris

Vittorio Fabris, alla prima da titolare, ha debuttato con una partita perfetta. "Sono felice, ero sicuro di fare bene perché percepivo sicurezza da staff e compagni. Vogliamo ripeterci nel derby"

Salò. Si tocca il collo durante l’intervista. E uno psicologo potrebbe ricamarci una complessa diagnosi comportamentale. Invece ai tifosi verdeblù interessa come e quanto tocca il pallone. Vittorio Fabris lo ha fatto alla grande, allo stadio “Città del Tricolore” di Reggio Emilia, domenica. Tanto da mandare in psicanalisi due reparti interi della Regia. Un bel film quello di Vittorio. Realistico più che mai. Titolo? Il debuttante, o il ragazzo che partiva dalla panchina se amate pellicole malinconiche.

 

 

“Ha sempre dimostrato nerbo, grinta, il passo giusto. Ma giocare spezzoni non è come giocare 90′, per di più in uno scontro diretto in trasferta e in uno stadio così”. Ecco le parole di mister Remondina sulla prestazione del centrocampista. Pedina che ha dimostrato come si possa contare anche su di lui. Arrivò in sordina quest’estate. In Emilia la partita perfetta.

Sono davvero felicissimo, non potevo sperare in un debutto migliore - e riecco dito che sfora il collo. Siamo arrivati qui con lo spirito giusto, con la cattiveria e la mentalità ideale. Abbiamo approcciato la partita come ci aveva chiesto il mister, sapevamo che era molto importante e che potevamo fare una bella partita. Bravi poi a sbloccare il risultato dopo 11 minuti e a raddoppiare con una magia di Braca. È andata bene”.

Liquida il tutto così, Vittorio. Riccioli anarchici sulla testa di uno studente veneto di giurisprudenza. Che ha ricevuto complimenti da tutti, in particolare proprio da Andrea Bracaletti. “Mi trovo benissimo con tutti i compagni più anziani del gruppo. Braca poi è quello che mi dà più consigli in allenamento, che mi sgrida. Quindi mi fanno molto piacere i suoi complimenti".

"La mia vigilia? Sereno. Sapevo che avrei potuto fare molto bene, sentivo la fiducia dei compagni e percepivo sicurezza nel mister. Quindi sono sceso in campo facendo quello che so fare e contribuendo alla terza vittoria consecutiva. Fondamentale. Perché i punti nel girone di ritorno valgono doppio, come ci ha detto il mister. Il nostro obiettivo è una salvezza tranquilla, quindi questi punti ci aiutano a puntare la meta, sempre più vicina". E il derby con il Lumezzane? "La sconfitta dell’andata ci pesa, vogliamo la rivincita…”.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
  • Cronaca

    Lombardia, vaccino anti Covid 50-59 anni: quando e come prenotare

  • Cronaca

    Lumezzane: ritrovato sano e salvo il 20enne Mubarik Khizar

  • Cronaca

    Ha solo 20 anni, ma è già una narcotrafficante: presa con 100 grammi di cocaina

Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BresciaToday è in caricamento