Sport

Baby campioni di rugby.. ma anche di multe

Il Mondiale Under 20 bresciano ha lasciato 4mila euro di multe in eredità alla Federazione a causa delle infrazioni commesse in centro storico e sulla tangenziale sud con le auto date alle squadre dallo sponsor della manifestazione junior

La haka dei Baby Blacks, campioni del mondo under 20

Genio e sregolatezza: con questa filosofia i "baby", solo da un punto di vista anagrafico, blacks hanno vinto il Mondiale Under 20. Qualità che i rugbisti dell'altro emisfero, e non solo, hanno trasportato dal prato del San Michele di Calvisano, una delle sedi principali della manifestazione, alle strade del centro storico di Brescia e della tangenziale Sud.

Ad estrarre il "cartellino" verde la Polizia locale di Brescia che ha elevato 4 mila euro di multe nei confronti della ventina di auto che la Peugeot, sponsor della manifestazione, ha messo a disposizione dei membri dell'organizzazione, degli arbitri, degli staff e degli accompagnatori delle diverse squadre nazionali che hanno partecipato alla competizione.

A notare le cavalcate in tangenziale e le incursioni non autorizzate in centro storico dei mezzi dei rugbisti gli occhi di falco delle telecamere della Locale.  A pagare, per ora, è la Federazione Italiana, ma il conto - piuttosto salato visto che altri verbali sono piovuti dalle altre città che hanno ospitato le gare (Parma e Cremona) -  sarà girato alla World rugby. 

L'organizzazione internazionale sta verificando e analizzando ogni verbale che arriva dall'Italia; un'operazione che potrebbe richiedere parecchio tempo, visto che dalla fine del mondiale non sono passati neanche 60 giorni.  

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Baby campioni di rugby.. ma anche di multe

BresciaToday è in caricamento