Lega Pro, Sorrento-Lumezzane 1-2. Vittoria e sorpasso

Nono risultato utile consecutivo per i ragazzi di mister Nicola che volano ora al terzo posto a quota 21. Grande prova di forza dei rossoblu che espugnano un campo ostico e sempre difficile: a segno Ferrari e Gasparetto

La coppia d’attacco Ferrari-Gasparetto fa scintille anche in casa del Sorrento e con un gol a testa dei due bomber il Lumezzane porta a casa altri tre punti importantissimi, portando così a nove la serie di risultati utili consecutivi in campionato. La vittoria di ieri significa sorpasso ai sorrentini e terzo posto in classifica a quota 21 punti, in compagnia del Tritium e a quattro lunghezze dal Taranto in seconda posizione.

Ospiti in vantaggio al ’31 del primo tempo, quando Ferrari trasforma un rigore guadagnato da Pini sugli sviluppi di un calcio d’angolo battuto da Aimo Diana. Nella ripresa il momentaneo 2 a 0 che praticamente chiude il match, e stavolta ci pensa Gasparetto: al ’23 il centravanti rossoblu anticipa Rossi in uscita e insacca il raddoppio. Sette minuti più tardi il gol del Sorrento con un rigore trasformato da Ginestra.

TABELLINO

SORRENTO-LUMEZZANE: 1-2

SORRENTO: Rossi, Vanin, terra, Di Nunzio, Bonomi (’70 Basso), Camillucci, Armellino, Bondi (‘6 Carlini), Ginestra, Croce (’85 Galabinov). All. Sarri

LUMEZZANE: Brignoli, Diana, Luciani, Giosa, Pini, Dadson (’82 Fondi), Sevieri, Finazzi (‘6 Faroni), Baraye (’67 Antonelli), Gasparetto, Ferrari. All. Nicola

Marcatori: ’31 Ferrari (rig), ’68 Gasparetto, ’75 Ginestra (rig)

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ragazza grave in ospedale per un'infezione: un altro caso dopo Veronica?

  • Operai al cimitero: la bara scivola, si rompe e fuoriesce la salma

  • La testa schiacciata tra la gru e il tetto: così è morto Antonio, padre di tre figli

  • Il dramma di Veronica: uccisa a 19 anni da una meningite fulminante

  • Troppa nebbia, esce di strada e finisce nel canale: muore annegato nella sua auto

  • Giovane padre ucciso dalla malattia: "Te ne sei andato troppo presto, proteggici da lassù"

Torna su
BresciaToday è in caricamento