Sport

Juve Stabia-Brescia 1-2. Anche in dieci, la quarta consecutiva

Il Brescia vince anche a Castellammare, sotto la pioggia campana e con l'uomo in meno da metà del primo tempo. Vantaggio con biancoblu con Benali, pareggio immediato delle 'vespe' con Di Carmine: e allora ci pensa Caracciolo

Quarta vittoria consecutiva per il Brescia di Bergodi, che con la fatica di chi ci crede porta a casa i tre punti anche nel corso dell’insidiosa trasferta di Castellammare, anche con l’uomo in meno. Con la Juve Stabia bastano un gol per tempo, sul tabellino quasi consecutivi: prima Benali con un gran destro e poi Caracciolo, al quarto centro in due gare e al dodicesimo stagionale, con una spettacolare rovesciata.

IL MATCH – Quello che sembrava garantito, il Brescia che attacca e la Juve Stabia che aspetta e riparte, viene invertito in tempi rapidi. Forse perché Bergodi preferisce giocare d’attesa, almeno nel primo tempo: un’attesa che si fa però pericolosa, quando al quarto d’ora Sowe salta prima Paci e poi Budel, finché non viene steso in area da Di Cesare. Inevitabile il dischetto, Di Carmine la tira comunque un po’ centrale, bravissimo Cragno in pronta reazione, costretto a ripetersi una decina di minuti più tardi, su punizione di Contini. Fallo netto di Paci, che si stava facendo scappare Di Carmine, rosso diretto e Brescia in dieci: ora si fa dura, Sowe ci prova di sinistro dal limite, poi il primo sussulto firmato Grossi, gran tiro da 30 metri ma che non scende. Sembra fatta invece quando su sponda involontaria di Grossi ad infilare in rete ci pensa Benali, secondo gol stagionale e gran destro basso, a incrociare; ci vogliono però pochi minuti per il repentino pareggio dei padroni di casa, Di Carmine tutto solo può prendere la mira, e segnare.

Il secondo tempo, come un’ouverture: lo spettacolare recupero di Zambelli, in tackle sulla trequarti avversaria, il suo cross morbido che Caracciolo accompagna con gli occhi, giusto in tempo per voltare le spalle alla porta e tentare la rovesciata da cineteca, con il pallone che rimbalza a terra e poi si insacca, all’angolo sinistro di Calderoni. Meglio di così non poteva cominciare, una ripresa che poi per forza di cose sarà molto simile ad un assedio giallo e blu, le ‘vespe’ di Castellammare che si aggrappano fino all’ultimo. Di Nunzio e la sua testa, due volte, Diop che si ritrova a tu per tu con Cragno, ma ancora di testa gli finisce addosso, prima delle solite mischie del tempo che scorre, Mezavilla che sfiora il lato sinistro, ancora Contini che la mette in mezzo, un po’ qui e un po’ là, e poi va sul fondo.

POST PARTITA – Il campo, il tempo, gli avversari, l’uomo in meno. Certo, la Juve Stabia bazzica da un po’ il fondo classifica, e il Brescia forse si è trovato nel miglior periodo dall’inizio della stagione. Ma l’orgoglio biancoblu anche nelle partite che sulla carta sembrano facili, e invece poi sono difficili. Anche con Sodinha a riposo, e Caracciolo a mezzo servizio ma a cui basta una giocata per meritarsi la paga. Quattro su quattro, fanno 12 punti netti: e i playoff, ormai dietro l’angolo.

JUVE STABIA-BRESCIA
LE PAGELLE

TABELLINO

JUVE STABIA-BRESCIA 1-2

JUVE STABIA: Calderoni, Di Nunzio, Lanzaro, Contini, Zampano, Suciu (76’ Diop), Mezavilla, Jidayi (62’ Caserta), Ghiringelli (55’ Parigini), Di Carmine, Sowe. All. Pea
BRESCIA: Cragno, Paci, Di Cesare, Camigliano, Zambelli, Benali (68’ Finazzi), Budel, Coletti, Kukoc, Grossi (78’ Scaglia), Caracciolo (88’ Corvia). All. Bergodi

Marcatori: 44’ Benali, 45’+2 Di Carmine, 53’ Caracciolo

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Juve Stabia-Brescia 1-2. Anche in dieci, la quarta consecutiva

BresciaToday è in caricamento