Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Go-kart, follia in gara: pilota lancia un pezzo di veicolo contro l'avversario

CRONACA

 

Una giornata da dimenticare per lo sport bresciano, quando tutto il mondo degli appassionati di kart e di motori aveva gli occhi puntati sulla pista di Lonato: il giovane pilota Luca Corberi, 23 anni, durante una gara valida per i campionati mondiali Fia di go-kart, categoria KZ, ha lanciato un pezzo della sua carrozzeria contro l'avversario che correva in pista, e lo avrebbe ulteriormente aggredito al termine della prova. Una pessima figura anche davanti ai campioni della Formula 1 come Fernando Alonso e Charles Leclerc, presenti in tribuna, e Felipe Massa che invece è addirittura presidente della Fia Kart.

Il pericolosissimo lancio in mezzo alla pista è testimoniato da un video (trasmesso in diretta) che in poche ore ha fatto il giro del web (e non solo). Corberi, pilota della Tony Kart di Prevalle, aveva abbandonato all'ottavo giro dopo uno scontro con Paolo Ippolito, in pista per la Crg di Lonato: ritirato dalla corsa, è stato visto posizionarsi in piedi di fianco al circuito, in attesa del passaggio del suo avversario.

Il lancio dello spoiler durante la gara

E' in quel momento che ha lanciato un pezzo di carrozzeria – nel dettaglio uno spoiler anteriore – fortunatamente composto in gran parte di plastica leggera e che nemmeno ha colpito Ippolito, ma il suo compagno di squadra Emilien Denner invece sì (solo di striscio, e senza conseguenze). Come detto, terminata la corsa Corberi e Ippolito sarebbero venuti alle mani anche nei box.

Classe 1997, Corberi ha cominciato a correre che era ancora un ragazzino: il suo primo titolo internazionale risale al 2009. Nel 2011 e nel 2012 ha vinto titoli europei nella categoria KF3, senza vincere nulla però negli anni della KZ, la categoria regina del kart. Era più di due anni che non scendeva in pista. Nota curiosa: è il figlio del proprietario del South Garda Karting di Lonato. Ora rischia una pesantissima squalifica.

Potrebbe Interessarti

Torna su
BresciaToday è in caricamento