In Serie A per un giorno: un bresciano sulle maglie dell’Udinese

Il concorso Dacia che premia i piccoli imprenditori ha fatto apparire sulle maglie dell'Udinese il marchio Red Bike di Ponte Caffaro, del bresciano 'adottivo' Ruben Ferrari

Ruben Ferrari, il titolare di Red Bike a Ponte Caffaro (Bagolino)

Tutto è cominciato con un concorso, riservato a piccole imprese con fatturato inferiore a 100mila euro, e con meno di quattro dipendenti. Un’idea forse rivoluzionaria lanciata dalla Dacia, il main sponsor dell’Udinese Calcio: il gustoso premio, diventare sponsor per un giorno, e apparire sulle maglie dei giocatori durante una partita di Serie A.

La settimana scorsa è toccato a Nino l’imbianchino, apparso sulle maglie nella gara che l’Udinese ha giocato contro la Roma: la settimana prossima invece toccherà ad un ristorantino e proprio della Capitale, nel match che impegnerà i friulani in Sicilia, con il Catania.

Nel mezzo, nella gara che i bianconeri hanno perso con l’Inter, sulle maglie è apparso invece un certo ‘Red Bike Biciclette’: il proprietario, seppur di origini trentine, vive e lavora in Provincia di Brescia.

Ruben Ferrari è infatti il titolare della Red Bike da almeno un paio d’anni, la sede è sita in Ponte Caffaro di Bagolino, lui abita poco più in là, a Bondone. Una bella sorpresa, ha raccontato, una grandissima soddisfazione.

E di certo una visibilità che mai avrebbe raggiunto, tutto da solo. Peccato solo per il risultato: proprio lui infatti, è tifoso milanista, e non è mai bello veder vincere i ‘cugini’.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Notte da incubo dopo la pizza? Ecco perché ci viene così tanta sete

  • Palpeggia e molesta due ragazzine: pestato a sangue nel parcheggio

  • Incidente stradale a Dello: morto Alex Tanzini di 38 anni

  • In bicicletta sull'autostrada A4: muore sul colpo travolto da un'auto

  • Malore improvviso in casa, muore giovane mamma: "Non voglio crederci"

  • Ragazzo morto tra le braccia delle fidanzata: i risultati dell'autopsia

Torna su
BresciaToday è in caricamento