Sport

Corioni shock: "La mia avventura a Brescia è finita, anche in caso di salvezza"

Le parole del patron di Ospitaletto lasciano impietriti i tifosi biancoazzurri, che dopo 20 anni ora davvero vedono vicino l'addio della famiglia Corioni

Gino Corioni getta la spugna. Durante la trasmissione “Parole Di Calcio” in onda su Teletutto, ha rilasciato alcune dichiarazioni che non lasciano dubbi: “La mia avventura a Brescia è giunta al capolinea, sia che la squadra si salvi sia che retroceda in B. Ho sempre voluto farmi da parte – ha aggiunto - adesso è diverso, devo farlo. Brescia è diventata troppo grande per un presidente così piccolo. Ed è il momento che i bresciani e le istituzioni si facciano avanti”.

Le parole del patron di Ospitaletto lasciano impietriti i tifosi biancoazzurri, che dopo 20 anni ora davvero vedono vicino l’addio della famiglia Corioni. Ma con quali prospettive? In città c’è già chi teme che le parole del Presidente siano foriere di tempesta. Una tempesta chiamata fallimento.


“Ciò che conta adesso – ha concluso – è credere alla salvezza, ce la possiamo ancora fare. A patto di avere un po’ di fortuna e magari di rischiare qualcosa in più. Ai tifosi chiedo di sostenerci sabato con il Milan fino all’ultimo, anche se fossimo sotto nel punteggio. Alla squadra chiedo di vincere contro i rossoneri”.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Corioni shock: "La mia avventura a Brescia è finita, anche in caso di salvezza"

BresciaToday è in caricamento