menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Calcioscommesse: oggi la sentenza su Iaconi, rischia fino a 4 anni e 6 mesi

Il ds delle Rondinelle ha ammesso una tentata combine nella gara tra Grosseto e Ancona dell'aprile 2010: una squalifica è data ormai certa. Il pm Palazzi - invece - ha chiesto la condanna a 4 anni e 6 mesi

E' prevista per oggi la sentenza dell'inchiesta sul calcioscommesse che vede coinvolto il ds del Brescia Andrea Iaconi.
Una squalifica a suo carico è praticamente cosa certa, ma Iaconi - come richiesto dal pm Palazzi - rischia fino a 4 anni e 6 mesi.

- Iaconi: sentenza rimandata, ma la squalifica sembra ormai certa

Nonostante le  pesanti accuse, le Rondinelle confermano senza condizioni la fiducia al loro direttore sportivo: "Per quanto mostrato nel corso di questa stagione - scrive la società in un comunicato -, in termini di competenze manageriali e di dedizione alla causa societaria, il Brescia Calcio ribadisce che Andrea Iaconi è la figura perno del nostro progetto. Per tale ragione ha ritenuto di confermare stima e fiducia nel suo operato, nella piena consapevolezza che il suo coinvolgimento nelle inchieste della magistratura sportiva e ordinaria che riguardano il mondo del calcio, ha avuto un risalto mediatico sproporzionato rispetto alla rilevanza, quantomeno morale, dei fatti addebitati. "

?"Per quanto mostrato nel corso di questa stagione - continua la nota -, in termini di competenze manageriali e di dedizione alla causa societaria, il Brescia Calcio ribadisce che Andrea Iaconi è la figura perno del nostro progetto. Per tale ragione ha ritenuto di confermare stima e fiducia nel suo operato, nella piena consapevolezza che il suo coinvolgimento nelle inchieste della magistratura sportiva e ordinaria che riguardano il mondo del calcio, ha avuto un risalto mediatico sproporzionato rispetto alla rilevanza, quantomeno morale, dei fatti addebitati. "


Il Brescia  è dunque fiducioso che, attraverso i diversi gradi di giudizio, possa emergere l'estraneità di Andrea Iaconi verso l’aspetto più riprovevole dei fatti in corso di accertamento: l’attività illecita di combine di gare in spregio agli interessi della propria società (l'allora Grosseto), per trarre profitti indebiti dalle scommesse.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BresciaToday è in caricamento