menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Calcioscommesse: perquisizioni a Coverciano, arrestati Mauri e Milanetto

Secondo quanto accertato fino a ora dall'inchiesta, i giocatori coinvolti - per conto di un'organizzazione criminale transnazionale che fa capo a Singapore - avrebbero agito come referenti dell'associazione in Italia per la combine delle partite dei campionati di A, B e Lega Pro

Nuovo blitz della polizia contro il calcioscommesse. Gli agenti di diverse squadre mobili e del Servizio centrale operativo stanno eseguendo una serie di arresti e perquisizioni in Italia e all'estero nei confronti di soggetti appartenenti ad un'organizzazione transnazionale dedita alle combine degli incontri di calcio.

Tra gli arrestati anche gli ex Rondinelle Mauri e Milanetto, a cui, secondo quanto si apprende, gli inquirenti contesterebbero il reato di associazione a delinquere finalizzato alla truffa e alla frode sportiva.

- Calcioscommesse: perquisito il direttore sportivo del Brescia Andrea Iaconi

Gli investigatori avrebbero ricostruito che sia Mauri sia Milanetto erano disponibili, in cambio di denaro, a combinare gli incontri delle loro rispettive squadre. Sarebbero stati anche accertati diversi contatti tra i giocatori e gli esponenti dell'organizzazione criminale.

Gli agenti hanno effettuato anche delle perquisizioni nel ritiro della nazionale di calcio a Coverciano, dove hanno consegnato al Domenico Criscito un avviso di garanzia.

Due auto e cinque agenti hanno varcato il portone del centro tecnico federale alle 6 e 25, quando la nazionale di Prandelli ancora dormiva, e attualmente sono ancora all'interno della struttura. In mattinata, è attesa la diramazione della lista dei 23 azzurri per Euro 2012, nella quale era prevista la presenza di Criscito.

In tutto, sono i 19 provvedimenti restrittivi emessi dal Gip del tribunale di Cremona Guido Salvini, che fanno parte della ormai celebre inchiesta 'Last Bet', coordinata dal procuratore Roberto Di Martino, che già nel giugno e nel dicembre dell'anno scorso ha portato a diversi arresti.

- «Per manipolare Brescia-Mantova ci hanno pagato 60.000 euro»

L'operazione di oggi è stata condotta dalle squadre mobili di Cremona, Brescia, Alessandria e Bologna, coordinate dagli uomini del Servizio centrale operativo.

Tutti gli indagati di questa nuova tranche dell'inchiesta devono rispondere dei reati di associazione a delinquere finalizzata alla truffa e alla frode sportiva.
 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Quando ci si potrà spostare tra regioni: c'è una data per maggio 2021

Attualità

C'è chi spacca tutto, chi tenta il suicidio impiccandosi: "Qua dentro è una polveriera"

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BresciaToday è in caricamento