menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Scandalo Last Bet, la Procura Federale indaga su Brescia-Bologna

Tra le partite sotto esame del pm Stefano Palazzi anche il match del Rigamonti dello scorso 2 aprile. Il flusso anomalo di scommesse nel pre partita non convince la Figc, le indagini proseguono

Brescia-Bologna dello scorso 2 aprile è ufficialmente al vaglio dell’Ufficio Indagini della Figc, dopo il primo esame da parte della Procura di Cremona nell’ambito dell’inchiesta sul recente scandalo del calcioscommesse. Il match del Rigamonti era già stato al centro di polemica pochi giorni prima che venisse effettivamente giocato, a causa di un anomalo flusso di scommesse pro Brescia rilevato immediatamente da Eurobet che sospese alcune puntate e abbassò (di molto) la quota del segno 1.

Anche le intercettazioni tra gli indagati Giampaolo Tagliatti e Massimo Erodiani (oltre alle telefonate tra Gianfranco Parlato e Pietro Bassi) sembrano confermare i sospetti della Procura e degli inquirenti. La partita finì 3 a 1 per le Rondinelle, tutto come previsto? In realtà il Bologna perse quattro delle cinque partite successive, per poi chiudere la stagione con pochi punti in più rispetto a quelli guadagnati nel girone di andata.

A parte questo i nuovi verbali consegnati non chiariscono la vicenda: la partita comunque al momento non è ancora tra le gare che gli inquirenti ritengono direttamente truccate. “Col Brescia giocammo semplicemente male – ha dichiarato qualche giorno fa l’ex biancoblu Emiliano Viviano – E’ giusto che ci sia un’inchiesta per il flusso di giocate anomale, ma questo noi lo sapevamo anche prima. Io mi sento pulito, noi del Bologna ci sentiamo puliti”.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Coronavirus

La Lombardia è zona arancione: tutte le regole in vigore da domani

Coronavirus

Dati sbagliati dalla metà di ottobre: così la Lombardia ha "sballato" i conti

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BresciaToday è in caricamento