Venerdì, 24 Settembre 2021
Sport

Calcioscommesse: perquisito il direttore sportivo del Brescia Andrea Iaconi

Ad accusarlo il calciatore Filippo Carobbio: "Iaconi - all'epoca nel Grosseto - incaricò Turati e Joelson a trattare con i calciatori dell'Ancona"

Una delle perquisizioni nell'ambito degli sviluppi dell'inchiesta della Procura di Cremona sul calcioscommesse ha riguardato anche Andrea Iaconi, attuale direttore sportivo del Brescia ma che è stato coinvolto nell'indagine quando lavorava al Grosseto.

- Calcioscommesse: perquisizioni a Coverciano, arrestati Mauri e Milanetto

E' stato il giocatore Filippo Carobbio a chiamarlo in causa davanti alla giustizia sportiva. "Il nostro direttore sportivo Iaconi - aveva detto Carobbio - incaricò Turati e Joelson a trattare con i calciatori dell'Ancona".


"I miei compagni andarono a parlare con l'Ancona - aveva aggiunto - promettendo una somma di denaro in cambio della vittoria: non ricordo se ero presente quando Iaconi chiese ai miei compagni di andare, ma ero presente in altre occasioni in cui il direttore sportivo discorreva della circostanza".

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Calcioscommesse: perquisito il direttore sportivo del Brescia Andrea Iaconi

BresciaToday è in caricamento