menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

«Iaconi amico dei corrotti. Non escludo che scommettesse»

La pesante accusa contro l'attuale ds del Brescia Calcio è contenuta nel verbale che il presidente del Grossetto, Piero Camilli, ha rilasciato ai guidici che si occupano dell'inchiesta sul calcioscommesse

La Gazzetta dello Sport ha pubblicato gli stralci dei verbali del direttore sportivo del Brescia, Andrea Iaconi, e del presidente del Grossetto Piero Camilli, riguardanti l'inchiesta sul calcioscommesse e, in particolare, la partita del Grosetto (all'epoca dei fatti Iaconi era il ds della squadra toscana, ndr) contro l'Ancona.

Ai giudici, l'8 giugno scorso Iaconi racconta che "Turati mi disse di conoscere alcuni giocatori dell'Ancona, sua ex squadra, che avrebbe potuto contattare per lasciarci vincere la partita; riferii la circostanza al presidente per valutare tale ipotesi e lo stesso mi disse di autorizzare il Turati a lasciare l'albergo per recarsi a parlare con gli avversari (…). Turati mi disse che aveva parlato con 3-4 giocatori dell'Ancona e che costoro volevano circa 100 mila euro per lasciarci la vittoria; lo riferii al presidente che mi disse di interrompere la trattavi".

Completamente contrastante la versione del presidente del Grosseto che, nella sua deposizione, attacca duramente l'attuale ds delle Rondinelle: "Escludo di aver parlato con Iaconi nel corso di quella settimana, in quanto subito dopo la sconfitta con il Lecce ordinai il ritiro punitivo a Norcia, contro la volontà dello stesso Iaconi, il quale, in netto dissenso con me, addirittura minacciò di dimettersi, cosa che in realtà non fece (…). Evidenzio che Iaconi era molto amico di determinati giocatori, in particolare quelli coinvolti nel calcio scommesse, e non posso escludere, alla luce di quanto emerso dalla vicenda del calcioscommesse, che lo stesso fosse uno scommettitore e che facesse parte di un gruppo organizzato per l'alterazione delle partite di calcio".


Un durissimo attacco quello di Camilli, che di certo può aver pesato sulla condanna a 3 anni e 9 mesi di inibizione del ds delle Rondinelle.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BresciaToday è in caricamento